Scuola Notizie

7 Marzo 2022

Ucraina: un venerdì senza manifestazioni degli studenti. Indifferenza alla guerra?

Da tempo il venerdì era diventato il giorno fisso delle manifestazioni degli studenti per rivendicare cambiamenti e maggiori tutele per la loro condizione. In molte piazze migliaia di studenti, dopo la morte di due coetanei, hanno chiesto maggior sicurezza negli stage per l’alternanza scuola-lavoro.
Hanno ottenuto ascolto e rassicurazioni da parte dello stesso ministro Bianchi, e anche qualche piccola concessione (maggior peso dei crediti scolastici) per avere un esame di maturità più leggero.
Sembra, dunque, che le manifestazioni del venerdì abbiano ottenuto qualche effetto per la tutela degli studenti degli istituti superiori.
Chi si aspettava per venerdì scorso 4 marzo una nuova manifestazione degli studenti in tutte le città italiane per protestare, invece, contro la guerra in Ucraina e chiedere la pace, forse è rimasto deluso.
Vi sono state singole iniziative qua e là, soprattutto di gruppi o di scuole primarie e medie, ma gli studenti degli istituti superiori sembra si siano stancati di manifestare ancora una volta.
C’è da chiedersi: perché mai i nostri studenti dovrebbero manifestare per difendere anche i valori di libertà e democrazia, visto che già vivono in un paese libero e democratico e di quei valori di libertà proprio loro si avvalgono, compreso il pieno diritto di manifestare liberamente?
Nella quasi dimenticata alluvione di Firenze di oltre mezzo secolo fa, gli studenti con i loro professori andarono a spalare nel fango e a sporcarsi per salvare opere che erano patrimonio dell’umanità.
Non avevano propri interessi da tutelare, ma difendevano, con il salvataggio di libri e di opere d’arte, valori culturali universali.
Anche la democrazia, la libertà e la pace sono valori universali da difendere. Oggi non c’è bisogno di pale, di secchi, di stivali o di guanti per difendere i valori universali di libertà: può servire anche manifestare in tutte le piazze italiane con un solo grido, forte e ben scandito, che arrivi a chi ha voluto questa guerra assurda e ha posto veti all’ONU per non essere incriminato: pace e libertà. Manifestare anche per tanti coetanei che nel loro Paese in guerra non possono manifestare.
Manifestazioni che non siano però, come qualcuno sta proponendo, di equidistanza tra le parti in una cosiddetta neutralità attiva, che farebbe piacere soltanto all’invasore.
Di venerdì o altri giorni della settimana per manifestare (bene) ce ne saranno, forse e purtroppo, ancora altri: non è mai troppo tardi per farlo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
, , Pubblicato da Orazio Niceforo
Da tempo il venerdì era diventato il giorno fisso delle manifestazioni degli studenti per rivendicare cambiamenti e maggiori tutele per la loro condizione. In molte piazze migliaia di studenti, dopo la morte di due coetanei, hanno chiesto maggior sicurezza negli stage per l’alternanza scuola-lavoro. Hanno ottenuto ascolto e rassicurazioni da parte dello stesso ministro Bianchi, […]
The post Ucraina: un venerdì senza manifestazioni degli studenti. Indifferenza alla guerra? appeared first on Tuttoscuola., Photo Credit: , Orazio Francesco Niceforo

Powered by the Echo RSS Plugin by CodeRevolution.


Ucraina: un venerdì senza manifestazioni degli studenti. Indifferenza alla guerra?
Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 27 Gennaio 2023

Supplenze, “scuola non mi vuole assumere da MAD perchè ho spezzone altra classe di concorso in diversa provincia”. E’ corretto?

x Supplenze anno scolastico 2022/23: il divieto di inviare le MAD domande di messa a disposizione per i docenti inseriti in una qualsiasi graduatoria persiste.

Scuola Notizie 27 Gennaio 2023

Concorso ordinario secondaria 2020: le graduatorie. Aggiornato con B024

x Concorso ordinario per la scuola secondaria di cui al DD n.

Scuola Notizie 27 Gennaio 2023

PNRR e Scuola 4.0: cerchi un supporto ma non è previsto dai fondi? Abbiamo la soluzione per te

x Tra poche settimane le scuole saranno chiamate a presentare i progetti del piano Scuola 4.

Scuola Notizie 27 Gennaio 2023

Stipendi insegnanti, sindacati contrari alla differenziazione. Valditara: ‘Mai messo in discussione il contratto nazionale’

x “La proposta del Ministro Valditara di aumentare gli stipendi ai docenti della scuola che lavorano nelle regioni del Nord è un errore oltre che un abbaglio.

torna all'inizio del contenuto
//potsaglu.net/4/4339693 https://tobaltoyon.com/pfe/current/tag.min.js?z=4339695