Scuola Notizie

12 Dicembre 2022

Sviluppare pensatori fiduciosi e indipendenti: partire da Rodari per guardare in faccia gli “invisibili” del mondo: una raccolta di UdA “Giocare per scrivere”

Insegnare ai ragazzi e ai bambini a pensare in modo indipendente dovrebbe essere il prioritario impegno di ciascun docente, italiano e del mondo. Gli insegnanti dovrebbero cercare il miglior modo possibile per insegnare a comprendere il mondo, le dinamiche che sottendono le aggregazioni umane. I bambini portano un certo tipo di energia nelle discussioni. Tra i nove e i dodici anni è il periodo giusto in cui hanno già una conoscenza sufficiente del mondo e hanno anche una capacità cognitiva sufficiente per esprimere molto. Tuttavia, non hanno ancora costruito le barriere che hanno gli adolescenti e gli adulti, quindi è molto utile lavorare con loro. Non devi nemmeno impegnarti così tanto, hanno un interesse naturale per le cose che li circondano e mantengono un certo grado di apertura. Gli adulti tendono a non parlare di cose che pensano con i loro figli o con gli alunni più piccoli, ritenendo che a volte è difficile sviluppare una conversazione con loro. Gli adulti pensano al futuro e non vogliono essere imbarazzati. È essenziale convincere gli adulti a pensare più come i bambini. Per questa ragione nasce il laboratorio. Sviluppare pensatori fiduciosi e indipendenti dando fiducia e insegnando loro queste abilità Partiamo dal presupposto che la fiducia in se stessi nell’esprimere è correlata alla fiducia in se stessi nel pensare. Alcuni bambini sono introversi e riflessivi allo stesso tempo. È sufficiente che pensino alle cose da soli. Quindi, sono in grado di portare suggerimenti e pensieri molto ben ponderati. Probabilmente, questo è perché hanno una capacità sufficiente per il dialogo interno. Ciò che gli altri devono fare parlando con gli altri, possono risolverlo da soli. Ma più spesso scopriamo ciò che pensiamo nel modo giusto mentre parliamo. Ecco perché cerchiamo di dare ai bambini fiducia in se stessi nel parlare con gli altri perché darà loro fiducia in se stessi nel pensiero stesso. Usiamo vari metodi per insegnare loro questa abilità, ma in linea di principio si tratta di parlare, affrontare gli altri e entrare in dialogo. All’inizio, lascia che si tratti di argomenti sciocchi e gradualmente poniti domande sempre più serie. È questo quello che stanno sviluppando, 20 alunni della Primaria, impegnati in un progetto a valere sui fondi PON FSE, dell’Istituto Renato Guttuso di Carini, presieduto dal dirigente scolastico prof.ssa Valeria La Paglia. Le scuole dovrebbero insegnare ai bambini a filosofare L’argomento della conversazione filosofica di questo laboratorio dell’IC Renato Guttuso di Carini (modulo “Tecniche rodariane per sperimentare all’infinito”, autorizzazione numero 0009707 del 27/04/2021 – FSE e FDR – Apprendimento e socialità “Bentornati a scuola”) è dibattere su domande alle quali è difficile trovare risposte chiare. Persone diverse esprimono opinioni e prospettive diverse. Alcuni sono focalizzati sui dettagli e altri sono molto creativi e fantasiosi. Ma è essenziale essere aperti alla discussione. E quando sei tra le persone che osservano il loro comportamento e i diversi modi di pensare, puoi attingere da esso al tuo pensiero. Puoi accedere a un vasto repertorio di processi mentali. Questo aspetto della comunità è fondamentale e l’opportunità di attingere dalla comunità e, al contrario, portarvi qualcosa di nuovo. Questo approccio laboratoriale è la vera novità del modulo attivo all’Istituto Comprensivo “Renato Guttuso” di Carini, scuola nella quale, da tre anni, si sta lavorando, con abnegazione, alla costruzione di un “vero” curriculo di istituto; un progetto attento ai bisogni degli alunni, della comunità, del territorio. Un PTOF, su cui ha puntato decisamente con forza il dirigente scolastico prof.ssa Valeria La Paglia, in grado di leggere i bisogni, individuare le piste educative e formative (con una chiara vision di Istituto), progettare il futuro dei cittadini e degli uomini di domani. Il tutto includendo ciascuno, ciascuna individualità, ciascuna differenza, ciascuna forza. “Chi parla” è essenziale per l’apprendimento È dimostrato che “chi parla” è essenziale per l’apprendimento. Pertanto, gli insegnanti devono trasferire la responsabilità dell’apprendimento sui bambini; questo è necessario, come afferma Jasona Buckleye. Gli insegnanti stessi devono essere in grado di riflettere profondamente su domande difficili per insegnarle ai loro studenti? Qual è il loro ruolo qui? Sono diversi ruoli che un insegnante può avere in classe. La situazione ideale è quando l’insegnante diventa un facilitatore e cerca di spingere i bambini a pensare in modo indipendente. Pensare, come hanno fatto a partire dalla favola “Tonino l’invisibile” di Gianni Rodari, agli ultimi della nostra società. Ma con quanta facilità gli insegnanti apprendono questo approccio dall’esperienza? È abbastanza complicato. A volte le persone tendano a venire con la loro esperienza e conoscenza e non lasciano ai bambini un po’ di spazio per scoprire le cose da soli. Succede anche a chi dice di essere disposto a fare il contrario. Gli insegnanti insegnano mentre dovrebbero guidare e ascoltare. È essenziale cambiare l’approccio al nostro lavoro. Se si cambia questa impostazione mentale, si può dare spazio ai bambini per sviluppare un loro autonomo pensiero critico. Si può. Incoraggiare l’apertura al pensiero creativo e la tendenza del sistema scolastico a valutare tutto ciò che i bambini fanno a scuola La maggior parte delle valutazioni delle scuole si concentra sulla padronanza dei singoli contenuti. I bambini, però, vogliamo avviare una vera discussione e andare in direzioni diverse. Ma se i docenti hanno piani diversi che indicano dove andare o cosa si aspettano di sentire vuol dire che non c’è un vero dialogo; viviamo un insegnamento che è un monologo diviso in singole fasi. Quando si tratta di una valutazione significativa, bisognerebbe concentrarsi sulla valutazione dello sviluppo delle abilità, come lo sviluppo della fiducia in se stessi nell’espressione verbale. È dimostrato, infatti, che “chi parla” è essenziale per l’apprendimento. Pertanto, gli insegnanti devono trasferire la responsabilità dell’apprendimento sui bambini; questo è necessario. C’è bisogno di incoraggiare i bambini a non aver paura dei loro dubbi e a essere disposti a parlare, anche se sono insicuri. Solo in questo modo può avvenire un certo progresso e uno sviluppo coerente e all’avanguardia in classe. Bisogna cercare di trovare le risposte, anche se non sei del tutto sicuro, e passare attraverso il processo di discussione. Non ha senso fare domande ai bambini su cose che già sanno per certo. E può essere praticato in qualsiasi materia. Ecco la vittoria di questo laboratorio rivoluzionario. Un laboratorio che è diventato straordinario grazie agli alunni che hanno sperimentato questa nuova tecnica rivoluzionaria: Balsamo Carmelo, Calderone Michelle, Ceraulo Luisiana, Conigliaro Angela, Cusimano Giorgia Maria, L’Atragna Giovanni, Lo Bello Mikaela, Marcianò Giorgia, Marzougui Yassine, Mazzamuto Samuele, Mazzola Isabelle, Picone Sofia, Randazzo Greta, Ricco Clarissa, Rizzo Demetra, Selvan Sinnarasa Sara, Sgroi Giulia, Tedeschi Federico, Vassallo Beatrice e Vitale Gloria. “Giocare per scrivere” una raccolta di UdA per sperimentare In allegato due diversi strumenti da utilizzare. Strumenti operativi già per altro attivate in realtà scolastiche all’avanguardia: Una progettualità per un “Laboratorio di scrittura creativa. Scrittura collaborativa di testi narrativi con tecniche rodariane” con obiettivi di prestazione; Obiettivi di apprendimento; Situazione problema; Insieme di UdA definite dai validissimi docenti della Scuola Primaria “C. Collodi” appartenente all’istituto Comprensivo “L. Coletti” di Treviso, nello specifico, la classe 5A dell’anno scolastico 2018-2019 e, nello specifico, dall’insegnante dott.ssa Anna Cremona con la tirocinante dott.ssa Elisa Tortora. Il laboratorio di scrittura creativa, la scuola e l’Università di Padova Come si legge nell’introduzione del “Laboratorio” che si allega all’articolo “Da alcuni anni, l’Università di Padova collabora con l’Istituto Comprensivo “L. Coletti” (ndr, diretto, dal 2019, brillantemente dal dirigente scolastico professoressa Vendrame Ada), per introdurre i suoi studenti nel mondo della Scuola, affiancandoli ai docenti nelle classi e/o nelle sezioni. La collaborazione tra queste due realtà risulta essere un’importante occasione di confronto e crescita, di cui possono beneficiare docenti, futuri docenti ed alunni. La classe 5°A della scuola primaria “C. Collodi” di Treviso ha partecipato ad un laboratorio di scrittura creativa organizzato dall’insegnante di italiano, Anna Cremona, e dalla tirocinante dell’Università di Padova di Scienze della Formazione Primaria, Elisa Tortora. Dopo un periodo di osservazione all’interno della classe, la tirocinante ha progettato, un percorso didattico da realizzare in venti ore di lezione, suddivise in sette incontri di due o tre ore ciascuno. Gli incontri di scrittura creativa sono stati svolti durante i laboratori pomeridiani, in continuità con la progettazione di classe della disciplina italiano. In particolare, questo percorso è stato realizzato con l’obiettivo di motivare gli alunni alla scrittura e di fornire loro diverse occasioni e spunti per raccontare e narrare storie usando la fantasia e la creatività. I bambini sono diventati dei veri scrittori con un obiettivo preciso: la realizzazione di un libro”. SCRITTURA-CREATIVA-TECNICHE-RODARIANE Scrittura-creativa , 2022-12-12 07:00:00, Insegnare ai ragazzi e ai bambini a pensare in modo indipendente dovrebbe essere il prioritario impegno di ciascun docente, italiano e del mondo. Gli insegnanti dovrebbero cercare il miglior modo possibile per insegnare a comprendere il mondo, le dinamiche che sottendono le aggregazioni umane. I bambini portano un certo tipo di energia nelle discussioni. Tra i nove e i dodici anni è il periodo giusto in cui hanno già una conoscenza sufficiente del mondo e hanno anche una capacità cognitiva sufficiente per esprimere molto.
L’articolo Sviluppare pensatori fiduciosi e indipendenti: partire da Rodari per guardare in faccia gli “invisibili” del mondo: una raccolta di UdA “Giocare per scrivere” sembra essere il primo su Orizzonte Scuola Notizie., Photo Credit: , Antonio Fundarò


Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 3 Febbraio 2023

Concorso ordinario secondaria 2020: le graduatorie. Aggiornato con A015, A017, A034, A045, A047, AI56

x Concorso ordinario per la scuola secondaria di cui al DD n.

Scuola Notizie 3 Febbraio 2023

EIP, Tamburi per la pace: riflessioni, letture e musica per affermare la cultura della pace

x EIP Italia lancia “Tamburi per la pace”, Voci e strumenti per una cultura di pace.

Scuola Notizie 3 Febbraio 2023

Elenchi aggiuntivi alle GPS prima fascia, nel 2023 può iscriversi anche chi non è inserito per il 2022. REQUISITI e scelta provincia

x Elenchi aggiuntivi alla prima fascia GPS: quest’anno l’inserimento è particolarmente atteso perchè riguarderà sia il posto comune (in tanti hanno conseguito l’abilitazione tramite concorso ordinario dopo il 31 maggio 2022) che posto sostegno (la chiusura del VII ciclo TFA sostegno è attesa entro il 30 giugno).

Scuola Notizie 3 Febbraio 2023

Accepting and appreciating diversity: unità di apprendimento di Inglese

x Competenza:  – Competenza multilinguistica– Competenza in materia di cittadinanza Integrazioni al Profilo delle competenze al termine del (D.

torna all'inizio del contenuto
//grunoaph.net/4/4339693 https://omoonsih.net/pfe/current/tag.min.js?z=4339695