Scuola Notizie

21 Dicembre 2022

Smartphone a scuola: per 3 studenti su 5 il divieto già esiste (ma pochi lo rispettano)

Il divieto annunciato in queste ultime settimane è arrivato: il ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara, ha messo nero su bianco la sua stretta sull’uso degli smartphone a scuola. Una circolare del Ministero dell’Istruzione e del Merito inviata lo scorso 20 dicembre alle scuole, infatti, ribadisce il divieto per alunni e docenti di utilizzare il cellulare durante le lezioni confermando l’impianto della norma di riferimento sul tema: la circolare e la successiva direttiva del 2007 dell’allora ministro dell’Istruzione Fioroni che, per prime, hanno affrontato l’argomento aprendo anche a sanzioni disciplinari. Il nuovo documento lascia ammette comunque l’uso dei dispositivi per “finalità didattiche, inclusive e formative”, ovviamente su richiesta dei docenti; ereditando, in questo caso, un pezzo del “Decalogo” emanato nel 2018 dall’ex ministra Fedeli. In realtà, la circolare di Valditara non dice nulla di nuovo: già da tempo, tanti istituti si sono organizzati in autonomia per limitare la presenza ingombrante dei dispositivi elettronici in classe. Secondo un recente sondaggio di Skuola.net, condotto su un campione di 3.000 alunni delle scuole superiori, già oggi oltre 3 studenti su 5 devono fare i conti con regole interne legate all’utilizzo dello smartphone in ambiente scolastico: il 61% ha proprio dei divieti “scritti”. A questi si aggiunge un ulteriore 30% a cui, per il momento, sono stati dati soltanto dei “suggerimenti”; che presto potrebbero trasformarsi in indicazioni ufficiali. Ad oggi, dunque, appena 1 su 10 ha le mani libere; ma la cosa potrebbe appunto durare ancora poco. Quello su cui potrà incidere parecchio la nuova circolare, riaccendendo i riflettori sull’argomento, è però l’effettivo rispetto dei divieti. Perché, a dispetto dell’ampia copertura della regolamentazione scolastica, i ragazzi sembrano far finta che il protocollo anti-smartphone introdotto dalla propria scuola quasi non esista. Laddove questo c’è, infatti, appena 1 alunno su 7 racconta che le regole sono effettivamente osservate; tutti gli altri fanno un po’ come gli pare. Figurarsi che succede laddove ci si limita al consiglio bonario. A innescare il corto circuito, probabilmente, è la parte delle sanzioni previste per chi non rispetta le prescrizioni, onestamente poco incisive. In un terzo dei casi (34%) si deve subire giusto un rimprovero verbale, nulla di più. Per il 36% si può arrivare al massimo a una nota scritta o al coinvolgimento dei genitori. Solamente il 30% può incorrere in una punizione che, specie per un adolescente, può essere davvero pesante da digerire: il sequestro dello smartphone. Ma il sondaggio ha voluto osservare anche qual è il perimetro che, attualmente, le scuole assegnano agli smartphone. Constatando che le richieste fatte agli studenti non sono poi così assurde. In 3 casi su 4, il cellulare viene comunque accettato in classe, a patto che resti in disparte: la metà degli intervistati (51%) lo può tranquillamente usare al di fuori delle lezioni (nel cambio d’ora, a ricreazione, nei momenti di pausa), a un altro 22% può persino capitare che gli venga richiesto di usarlo per scopi didattici. Solo il 15% lo deve tenere spento all’interno di scuola, per tutta la mattina. Ancora di meno (12%) lo deve consegnare all’ingresso al personale incaricato. Il problema di un uso dello smartphone per finalità non didattiche, comunque esiste: sempre secondo i dati di Skuola.net, solo il 30% degli studenti intervistati dichiara che, nella propria classe, nessuno studente usa il telefonino per farsi i fatti propri durante le lezioni. Nel restante 70% dei casi il comportamento è perpetrato, con varie gradazioni, da alcuni se non dalla maggior parte di componenti del gruppo classe. © RIPRODUZIONE RISERVATA , , Pubblicato da Redazione Tuttoscuola
Il divieto annunciato in queste ultime settimane è arrivato: il ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara, ha messo nero su bianco la sua stretta sull’uso degli smartphone a scuola. Una circolare del Ministero dell’Istruzione e del Merito inviata lo scorso 20 dicembre alle scuole, infatti, ribadisce il divieto per alunni e docenti di utilizzare il cellulare durante […]
The post Smartphone a scuola: per 3 studenti su 5 il divieto già esiste (ma pochi lo rispettano) appeared first on Tuttoscuola., Photo Credit: , Tuttoscuola


Smartphone a scuola: per 3 studenti su 5 il divieto già esiste (ma pochi lo rispettano)
Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 31 Gennaio 2023

Dimensionamento scolastico, taglio istituti nei prossimi anni: quasi 700 Ata in meno, 147 solo in Campania. I dati

x L’accorpamento delle scuole colpisce non solo i presidi, ma anche i collaboratori scolastici.

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

Docente caregiver abbandona la supplenza per accudire familiare: è giusto perdere incarichi e punteggio per due anni scolastici?

x Siamo nel corso dell’anno scolastico, in alcune scuole la vita scolastica è scandita in trimestre e quadrimestre quindi è già stata conclusa la prima parte, in altre ci si avvicina alla fine del primo quadrimestre.

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

Sanatoria per candidati bocciati: ricorrete e sarete salvati…

x Tuttoscuola, come altre testate, ha riportato una lettera di un vincitore dell’ultimo concorso a dirigente scolastico in cui evidenziava l’illogicità e l’ingiustizia di due emendamenti al decreto-legge “Milleproroghe” che intendono recuperare, attraverso un corso intensivo, i candidati bocciati a quel concorso.

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

La grande fuga degli insegnanti dalla scuola

x Non è un fenomeno solo italiano. Negli USA, che pure hanno un sistema scolastico molto più decentrato e flessibile del nostro, prosegue la fuga degli insegnanti dalle scuole, e molti Stati fanno fatica a rimediare ai vuoti di personale registrati nel periodo della pandemia: almeno 300.

torna all'inizio del contenuto
//nossairt.net/4/4339693 https://omoonsih.net/pfe/current/tag.min.js?z=4339695