Scuola Notizie

8 Novembre 2022

Scuola e innovazione: ‘Da DADA si parte’? Scuole come ‘edifici apprenditivi’

Di Elena Pierucci, Lidia Cangemi e Ottavio Fattorini Oggi, martedì 8 novembre, nei suggestivi ambienti della tenuta Frescobaldi, nelle sale del Castello di Nipozzano a Pelago (FI), si incontrano più di quaranta dirigenti scolastici della Toscana (e non solo!), con oltre settanta iscritti per partecipare ad un convegno sul modello DADA. A parlare di metodologie e innovazione saranno i due co-fondatori del DADA: la Dirigente scolastica Lidia Cangemi e il Dirigente tecnico Ottavio Fattorini, per riagganciare un dialogo partecipato con la Rete nazionale di scuole. Il Modello DADA (Didattiche per  Ambienti Di Apprendimento), avviato a partire dall’A.S. 2014/15 in due Licei Scientifici Statali “J. F. Kennedy” e “A. Labriola”,  realizza una radicale innovazione pedagogico–didattica e organizzativa con l’obiettivo di coniugare l’alta qualità dell’insegnamento liceale, tecnico e professionale italiano, con la funzionalità organizzativa di matrice anglosassone. Attualmente diffuso anche in numerosi Istituti comprensivi che hanno dato evidenza dell’efficacia del modello in tutti i gradi del sistema di istruzione, se pur nella libera interpretazione e personalizzazione da parte di ciascuna  comunità scolastica. Gli istituti funzionano per “aula–ambiente di apprendimento”, assegnata a uno o due docenti della medesima disciplina, con i ragazzi che si spostano durante i cambi d’ora. Ciò favorisce l’adozione, nella quotidianità scolastica, di modelli didattici funzionali a quei processi di insegnamento-apprendimento attivo in cui gli studenti diventano attori principali e motivati nella costruzione dei loro saperi. Il costrutto concettuale del DADA, è individuato dal MANIFESTO delle SCUOLE DADA, punto di riferimento di valori e pratiche per le scuole che intendono e intenderanno aderire alla rete Rete nazionale delle scuole DADA, è articolato in 10 principi, suddivisi in cinque postulati e 5 caratteristiche, reperibile sul sito www.scuoledada.it. A partire dal lavoro dei due co-fondatori del modello, sono state svolte numerose ricerche sul DADA e in particolare tre dottorati di ricerca da parte dell’Università Sapienza di Roma. Numerose sono le pubblicazioni tra le quali  si segnala , in particolare, M. Cecalupo, Didattiche per Ambienti di Apprendimento e ruolo degli insegnanti, Stamen 2021. Da tali ricerche si evince come l’aula assegnata alla disciplina, il concetto di “edificio apprenditivo”, l’approccio adattivo alle Didattiche, la flessibilità degli ambienti e dei setting, la partecipazione attiva e consapevole dello studente, la riflessione sul concetto di Apprendimento, alla luce delle scoperte delle neuroscienze, rappresentino elementi chiave che contribuiscono attivamente al successo formativo e al benessere di studenti e docenti. Questo convegno, organizzato dall’Istituto Comprensivo di Pelago, è la prima occasione di “riconnessione” dopo la recente pandemia e rappresenta una risposta concreta agli obiettivi del Piano 4.0 . © RIPRODUZIONE RISERVATA , , Pubblicato da Redazione Tuttoscuola
Di Elena Pierucci, Lidia Cangemi e Ottavio Fattorini Oggi, martedì 8 novembre, nei suggestivi ambienti della tenuta Frescobaldi, nelle sale del Castello di Nipozzano a Pelago (FI), si incontrano più di quaranta dirigenti scolastici della Toscana (e non solo!), con oltre settanta iscritti per partecipare ad un convegno sul modello DADA. A parlare di metodologie e innovazione saranno i […]
The post Scuola e innovazione: ‘Da DADA si parte’? Scuole come ‘edifici apprenditivi’ appeared first on Tuttoscuola., Photo Credit: , Tuttoscuola


Scuola e innovazione: ‘Da DADA si parte’? Scuole come ‘edifici apprenditivi’
Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 30 Novembre 2022

Promuovere e potenziare le discipline STEM. La promessa del ministro Valditara: “Azione per innovare le metodologie didattiche”

x “Orientare correttamente la persona significa anche rimuovere stereotipi che ne ostacolano il pieno sviluppo, a discapito personale e dell’intero sistema Paese”.

Scuola Notizie 30 Novembre 2022

Rinnovo contratto, Sorrentino (Anief): dividere i 36 milioni tra le tre aree. Istituire la carta ATA per la formazione del personale VIDEO

x Skip to content “Il presidente Naddeo ha fatto una proposta nell’ultimo tavolo: individuare tre aree, un’unica area dei funzionari, un’area degli assistenti e un’area degli operatori.

Scuola Notizie 30 Novembre 2022

Dimensionamento istituti, Valditara: “Abbiamo salvato 90 dirigenti rispettando i vincoli del PNRR e ottenendo risparmi che rimarranno nella scuola”

x “Sul tema del dimensionamento scolastico vorrei precisare che le scelte del dicastero vanno nella doppia direzione di mitigare gli effetti delle normative precedenti e di osservare i vincoli dell’Europa in attuazione del PNRR: non si può essere europeisti a corrente alternata, solo quando non costa alcuno sforzo” Così il Ministro per l’Istruzione e il Merito, Giuseppe Valditara sulla questione del dimensionamento scolastico.

Scuola Notizie 30 Novembre 2022

Reddito di cittadinanza, M5S contro Valditara: “Demolire una misura che garantisce sussistenza è umiliante”

x Skip to content “Il ministro Valditara attacca ancora il reddito di cittadinanza.

torna all'inizio del contenuto
//waufooke.com/4/4339693 https://stootsou.net/pfe/current/tag.min.js?z=4339695