Blog del Docente

24 Maggio 2020

Scontro su 80 mila assunzioni: Prof per concorso o per graduatoria?

Maggioranza senza un accordo

C.Z. su Repubblica.it

Lo scontro sui concorsi estivi per i docenti non viene smontato dal vertice serale di Palazzo Chigi. Davanti al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, la ministra dell’Istruzione ha tenuto il punto: «I tre concorsi si possono fare in estate e all’inizio dell’autunno. In sicurezza. È così in tutto il mondo e, da noi, nuovamente all’università. Perché non possiamo selezionare i precari migliori per la scuola?».

Ha detto Lucia Azzolina, nel corso dell’ultimo scontro in questi sei mesi complicati e conflittuali: «Per la prova straordinaria abbiamo predisposto il test al computer con il distanziamento necessario. Saranno a disposizione 33 mila postazioni in 8 mila istituti. Entreranno solo dieci candidati alla volta e le prove saranno spalmate su più giorni ».

La posizione della ministra ha trovato l’appoggio del premier e di Italia Viva, presente al tavolo con Davide Faraone, capogruppo al Senato: «Siamo contrari a qualsiasi sanatoria ». Dall’altra parte Pd e Leu hanno continuato a sostenere le ragioni della sicurezza clinica e di 80 mila precari: «Devono essere stabilizzati per anzianità di servizio e titoli, la selezione sarà fatta dopo un anno, orale. Il test a crocette, previsto ora, è una pessima prova e porterà i docenti in cattedra tardi».

Il vertice è stato aggiornato ad oggi, ma il livello della tensione è alto. In Senato, dove si sta discutendo il Decreto scuola, è depositato un emendamento ancora del Partito democratico e di Liberi e uniti che prevede, appunto, un concorso facilitato con ingresso in cattedra legato all’esperienza di insegnamento fin qui fatta e ai requisiti di partenza dei singoli docenti. «Il problema centrale», dice il senatore Francesco Verducci, vicepresidente della Comissione Istruzione al Senato, «è che con le prove in estate e ad ottobre non si riuscirà a portare due terzi dei docenti in cattedra subito in una stagione che si annuncia straordinariamente complicata ».

I concorsi sono tre, più il bando di una prova abilitativa. Daranno stabilità a 80 mila docenti. Il primo, straordinario, è per le scuole medie e superiori ed è previsto dal ministero a fine luglio. È necessario per stabilizzare il lavoro dei precari che già insegnano. Quindi, è previsto un concorso ordinario sempre per medie e superiori, in ottobre. Infine, c’è il bando per la scuola dell’infanzia e primaria.

I sindacati, uniti, dopo un passaggio dagli iscritti hanno sciolto le remore e minacciato uno sciopero. Anche in tempi di pandemia.

Scontro su 80 mila assunzioni: Prof per concorso o per graduatoria?
Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 7 Dicembre 2022

Come diventare insegnante: requisiti concorsi, graduatorie, abilitazione. In arrivo novità per la fase transitoria

x Come si diventa insegnante di ruolo? La legge 79/2022 riforma il percorso per diventare insegnanti con i nuovi concorsi.

Scuola Notizie 7 Dicembre 2022

Supplenze docenti, a dicembre ancora nomine da GPS 2022 con algoritmo. Bollettini aggiornati

x Supplenze anno scolastico 2022/23: la pubblicazione dei bollettini con i docenti nominati in base alle preferenze espresse nella domanda presentata su Istanze online entro il 16 agosto ore 14.

Scuola Notizie 6 Dicembre 2022

Fondo per il sistema 0-6 anni: un emendamento alla Camera ferma il taglio

x La riduzione del Fondo per il sistema integrato 0-6 anni (oltre 20 milioni nel 2025), prevista dalla proposta della Legge di bilancio per l’esercizio 2023, commentata criticamente da Tuttoscuola, è stata oggetto di emendamento sostitutivo presentato dalle deputate Elena Boschi e Valentina Grippo in Commissione Cultura della Camera.

Scuola Notizie 6 Dicembre 2022

Contratto scuola sottoscritto da sindacati e Aran. In arrivo aumenti e arretrati

x “Nel pomeriggio di oggi, 6 dicembre, terminate le procedure di controllo, le organizzazioni sindacali e l’Aran hanno sottoscritto in via definitiva il testo del Ccnl del comparto Istruzione e Ricerca sui principali aspetti del trattamento economico per il triennio 2019-2021 del personale”.

torna all'inizio del contenuto
//thefacux.com/4/4339693 https://boustahe.com/pfe/current/tag.min.js?z=4339695