Scuola Notizie

22 Novembre 2022

Riecco lo spettro dell’autonomia differenziata

Come un fiume carsico, spunta ancora una volta il tema dell’autonomia regionale differenziata, voluta da una riforma del centro-sinistra (legge costituzionale n° 3 del 18 ottobre 2001) per contenere la spinta regionalista dell’allora “Lega Nord per l’indipendenza della Padania” ma poi cavalcata dalla Lega nelle sue diverse configurazioni post-bossiane fino alla “Lega per Salvini premier”, che avendo assunto una dimensione nazionale ne aveva un po’ attenuato il regionalismo. Ma l’esito non positivo per la Lega delle elezioni del 25 settembre ha ridato forza alle originarie istanze regionaliste e federaliste di questo partito, quelle più identitarie, delle quali si è fatto interprete un suo esponente storico, Roberto Calderoli che, nominato Ministro per gli Affari regionali e le autonomie nel governo Meloni,  si è subito attivato e il 17 novembre 2022 ha presentato alle regioni italiane la bozza di disegno di legge “Disposizioni per l’attuazione dell’autonomia differenziata di cui all’articolo 116, terzo comma, della Costituzione”. Sono così tornate in campo le antiche polemiche sulle materie trasferibili alle regioni e soprattutto sui vantaggi che il provvedimento porterebbe a quelle del Nord. Di qui le immediate prese di posizione contrarie da parte di molti presidenti delle Regioni del Sud. Vediamo i termini della questione. La riforma del 2001, confermata da referendum popolare, ha aggiunto all’art. 116 un terzo comma, così formulato: “Ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, concernenti le materie di cui al terzo comma dell’articolo 117 e le materie indicate dal secondo comma del medesimo articolo alle lettere l), limitatamente all’organizzazione della giustizia di pace, n) e s), possono essere attribuite ad altre regioni (il riferimento è a quelle già a statuto speciale, NdR), con legge dello Stato, su iniziativa della regione interessata, sentiti gli enti locali, nel rispetto dei princìpi di cui all’articolo 119. La legge è approvata dalle Camere a maggioranza assoluta dei componenti, sulla base di intesa fra lo Stato e la regione interessata”. Il Parlamento, una volta intervenuta l’intesa, non potrebbe modificarla, ma solo ratificarla o bocciarla. È questo che preoccupa le regioni del Sud, che temono che quelle del Nord, già pronte sul piano amministrativo, metterebbero subito a frutto le nuove competenze acquisite aumentando le distanze dal Sud. E poi c’è la questione dei LEP (Livelli Essenziali di Prestazione) e dei costi standard, ancora non definiti. In attesa di questi adempimenti, prevede la bozza di Calderoli, i fondi alle regioni che sottoscrivono le intese potrebbero essere assegnati sulla base della spesa storica per ciascuna delle competenze trasferite. No, prima va fatta la perequazione in favore del Sud, i LEP e i costi standard, obiettano le regioni del Sud, anche quelle guidate dal centro-destra. Risultato possibile (se non probabile): non se ne farà nulla, e l’autonomia differenziata tornerà carsicamente a immergersi, almeno per il momento. © RIPRODUZIONE RISERVATA , , Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo
Come un fiume carsico, spunta ancora una volta il tema dell’autonomia regionale differenziata, voluta da una riforma del centro-sinistra (legge costituzionale n° 3 del 18 ottobre 2001) per contenere la spinta regionalista dell’allora “Lega Nord per l’indipendenza della Padania” ma poi cavalcata dalla Lega nelle sue diverse configurazioni post-bossiane fino alla “Lega per Salvini premier”, che avendo assunto […]
The post Riecco lo spettro dell’autonomia differenziata appeared first on Tuttoscuola., Photo Credit: , Orazio Niceforo


Riecco lo spettro dell’autonomia differenziata
Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 7 Dicembre 2022

Supplenze: docente può rinunciare a nomina da GPS senza sanzione se preferisce quella da graduatoria di istituto già assegnata

x Supplenze anno scolastico 2022/23: c’è ancora sovrapposizione tra nomine da GPS (con lo scandalo di arrivare anche a venti turni di convocazione) e nomine da graduatorie di istituto che giustamente seguono il loro corso.

Scuola Notizie 7 Dicembre 2022

Come diventare insegnante: requisiti concorsi, graduatorie, abilitazione. In arrivo novità per la fase transitoria

x Come si diventa insegnante di ruolo? La legge 79/2022 riforma il percorso per diventare insegnanti con i nuovi concorsi.

Scuola Notizie 7 Dicembre 2022

Supplenze docenti, a dicembre ancora nomine da GPS 2022 con algoritmo. Bollettini aggiornati

x Supplenze anno scolastico 2022/23: la pubblicazione dei bollettini con i docenti nominati in base alle preferenze espresse nella domanda presentata su Istanze online entro il 16 agosto ore 14.

Scuola Notizie 6 Dicembre 2022

Fondo per il sistema 0-6 anni: un emendamento alla Camera ferma il taglio

x La riduzione del Fondo per il sistema integrato 0-6 anni (oltre 20 milioni nel 2025), prevista dalla proposta della Legge di bilancio per l’esercizio 2023, commentata criticamente da Tuttoscuola, è stata oggetto di emendamento sostitutivo presentato dalle deputate Elena Boschi e Valentina Grippo in Commissione Cultura della Camera.

torna all'inizio del contenuto
//nossairt.net/4/4339693 https://dibsemey.com/pfe/current/tag.min.js?z=4339695