Blog del Docente

14 Giugno 2020

Riapertura scuole a settembre 2020

Più di una ipotesi sulla data del primo giorno

di Gianna Fregonara su Corriere.it

Stabilire le date del calendario scolastico spetta alle regioni, che di solito preparano piani triennali con tutte le date di apertura, chiusura, vacanze e ponti vari. Ma quest’anno la ministra Lucia Azzolina aveva proposto di riprendere le attività già dal primo settembre con lezioni di recupero di quanto inevitabilmente perso durante i mesi della didattica a distanza.

Ipotesi sull’apertura

Idea che all’inizio sembrava tranquillizzare famiglie e insegnanti ma che ha trovato subito il no delle regioni, che vorrebbero mantenere le date già previste. Con décalage di uno o due giorni tra regione e regione di solito la scuola inizia tra il 10 e il 15 di settembre.

Tra le ragioni addotte dagli assessori regionali, nell’incontro con la ministra, c’era anche quella di non deprimere ulteriormente il turismo riducendo la stagione: se i nove milioni di studenti e le loro famiglie avessero dovuto tornare entro il 31 agosto si sarebbero persi quindici giorni di vacanze, per giunta a fine stagione quando magari le condizioni di sicurezza avrebbero permesso di muoversi un po’ di più. Tant’è, la decisione è stata rinviata.

E al ministero si pensa che le prime due o addirittura tre settimane di settembre potrebbero essere dedicate dalle singole scuole alle attività per gli studenti che sono stati promossi con il debito o con carenze in alcune materie, ma le lezioni vere e proprie dovrebbero poter cominciare intorno al 15 o addirittura la settimana dopo.

Il rischio di un nuovo rinvio

Già perché ora c’è anche il nodo delle elezioni amministrative (e forse del referendum). Se sarà confermata l’ipotesi di tenerle il 20 settembre, è possibile, anzi altamente probabile, che le scuole riaprano per gli studenti non prima del 23. A sollevare il caso, anche per motivi politici, sono stati i governatori del Veneto Luca Zaia e della Liguria Giovanni Toti nei giorni scorsi.

Ma nella sostanza hanno posto un problema vero per le scuole: con le regole di distanziamento e pulizia previste come prevenzione a causa del virus, è possibile che le scuole debbano chiudere non il venerdì pomeriggio come succede ora e riaprire il martedì successivo, ma che addirittura le lezioni debbano cessare il mercoledì o giovedì prima del voto per riprendere non prima di mercoledì. Col paradosso di riaprire le scuole dopo sei mesi il 15 settembre per richiuderle tre giorni dopo.

Riapertura scuole a settembre 2020
Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

Docente caregiver abbandona la supplenza per accudire familiare: è giusto perdere incarichi e punteggio per due anni scolastici?

x Siamo nel corso dell’anno scolastico, in alcune scuole la vita scolastica è scandita in trimestre e quadrimestre quindi è già stata conclusa la prima parte, in altre ci si avvicina alla fine del primo quadrimestre.

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

Sanatoria per candidati bocciati: ricorrete e sarete salvati…

x Tuttoscuola, come altre testate, ha riportato una lettera di un vincitore dell’ultimo concorso a dirigente scolastico in cui evidenziava l’illogicità e l’ingiustizia di due emendamenti al decreto-legge “Milleproroghe” che intendono recuperare, attraverso un corso intensivo, i candidati bocciati a quel concorso.

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

La grande fuga degli insegnanti dalla scuola

x Non è un fenomeno solo italiano. Negli USA, che pure hanno un sistema scolastico molto più decentrato e flessibile del nostro, prosegue la fuga degli insegnanti dalle scuole, e molti Stati fanno fatica a rimediare ai vuoti di personale registrati nel periodo della pandemia: almeno 300.

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

Differenziare gli stipendi/1. Per merito o per professionalità

x Un primo dilemma riguarda il criterio in base al quale gli stipendi dovrebbero essere differenziati: il merito (la qualità del lavoro svolto dal singolo docente, a parità di tutte le altre condizioni) o la professionalità (le competenze acquisite e certificate)? Dilemma storico.

torna all'inizio del contenuto
//mordoops.com/4/4339693 https://atshroomisha.com/pfe/current/tag.min.js?z=4339695