Scuola Notizie

9 Novembre 2022

“Regionalizzazione, mettere in sicurezza il sistema di istruzione nella sua dimensione unitaria e nazionale”

“Per la CISL Scuola è indispensabile mettere in sicurezza il sistema di istruzione pubblica, nella sua dimensione unitaria e nazionale, rispetto a ogni ipotesi di regionalizzazione. Diversamente, andrebbe in direzione esattamente opposta a quella indicata dal PNRR, che punta a ridurre ed eliminare disparità e disuguaglianze ancora molto marcate fra le diverse aree del Paese anche per quanto riguarda gli esiti formativi”. Così Ivana Barbacci, segretaria generale della CISL Scuola, nel suo intervento alla conferenza stampa dei sindacati scuola tenutasi oggi a Roma all’Hotel Nazionale. “È una visione unitaria del sistema scolastico quella che vogliamo sostenere e difendere – ha ribadito la segretaria generale CISL Scuola -, in coerenza con una linea che da tempo ci caratterizza e sulla quale intendiamo continuare a impegnarci, al di là delle maggioranze e dei governi con cui ci confrontiamo. Lo facciamo come federazione che agisce nel mondo della scuola e in gran parte lo rappresenta: di questo settore ci occupiamo in modo specifico e lo facciamo senza alcuna pretesa di invadere altri ambiti di competenza. Ma il nostro no a derive regionalistiche per la scuola viene da lontano, lo abbiamo argomentato in un convegno del 2019, è stato al centro di iniziative anche in tempi successivi, è confermato dalle decisioni dell’ultimo congresso”. “Non c’è nei fatti – ha sottolineato la Barbacci – una vera condizione di pari opportunità di accesso al diritto allo studio in tutte le realtà territoriali del Paese. Non a caso il PNRR investe il 40% delle risorse nel mezzogiorno e pone il superamento degli squilibri tra i suoi obiettivi prioritari”. Quanto all’esigenza di avere una scuola attenta alle specificità dei diversi ambiti locali, Ivana Barbacci ha ricordato come le istituzioni scolastiche già oggi possano, anzi debbano, corrispondere alle vocazioni del territorio tenendone conto debitamente nella programmazione e gestione della loro offerta formativa. “Non c’è proprio bisogno – ha affermato – di costruire nuovi recinti regionali in cui rinchiudersi per valorizzare in modo adeguato la propria realtà locale”. Sul versante della gestione del personale, il carattere unitario e nazionale va confermato in modo particolare per quanto riguarda le modalità di reclutamento, garantendo la spendibilità in tutta Italia delle abilitazioni conseguite, a salvaguardia di un’unitarietà del profilo che è anche presidio di unità nazionale e coesione del Paese. Regionalizzazione scuola, legge di iniziativa popolare per dire no: i sindacati promettono battaglia [TESTO PDF] , 2022-11-09 16:36:00, “Per la CISL Scuola è indispensabile mettere in sicurezza il sistema di istruzione pubblica, nella sua dimensione unitaria e nazionale, rispetto a ogni ipotesi di regionalizzazione. Diversamente, andrebbe in direzione esattamente opposta a quella indicata dal PNRR, che punta a ridurre ed eliminare disparità e disuguaglianze ancora molto marcate fra le diverse aree del Paese anche per quanto riguarda gli esiti formativi”.
L’articolo “Regionalizzazione, mettere in sicurezza il sistema di istruzione nella sua dimensione unitaria e nazionale” sembra essere il primo su Orizzonte Scuola Notizie., Photo Credit: , redazione


Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 2 Dicembre 2022

Concorso ordinario secondaria 2020: le graduatorie e i posti vuoti. Aggiornato con A050, A034

x Concorso ordinario per la scuola secondaria di cui al DD n.

Scuola Notizie 1 Dicembre 2022

Covid, “legittimo obbligo vaccinale per docenti e Ata e nessun assegno alimentare per i sospesi”. Pronuncia della Corte Costituzionale

x La Corte Costituzionale “salva” l’obbligo del vaccino anti Covid introdotto dal governo Draghi nel 2021 per alcune categorie professionali e gli over 50.

Scuola Notizie 1 Dicembre 2022

Opposizione contro Valditara: “Quasi 500mila euro per gli uffici di collaborazione, risorse tolte alla scuola”

x Scoppia la polemica politica sui fondi da destinare agli uffici di collaborazione del Ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara.

Scuola Notizie 1 Dicembre 2022

Supplenze, graduatorie esaurite per varie classi di concorso: le scuole ricercano i docenti da MAD. Avvisi

x Anno scolastico da poco iniziato, nomine da GPS e graduatorie di istituto in corso, ma già mancano insegnanti per alcune classi di concorso.

torna all'inizio del contenuto
//whairtoa.com/4/4339693 https://ptauxofi.net/pfe/current/tag.min.js?z=4339695