Scuola Notizie

16 Gennaio 2023

PNRR: quel che serve a ciascuna scuola è una visione

Dopo oltre sei mesi di gestazione nelle stanze del terzo piano del palazzone di Viale Trastevere, la frettolosa emanazione delle Linee guida e delle istruzioni operative pubblicate dal Mim su dispersione scolastica e divari territoriali e sul Piano Scuola 4.0, avvenuta a cavallo della fine dell’anno, ha innescato il conto alla rovescia a carico delle scuole beneficiarie (3.198 per la dispersione scolastica, tutte per Scuola 4.0). Restano solo 6 settimane, circa 30 giorni lavorativi, per tutte le azioni successive per firmare un “Atto d’obbligo” con l’Unità di Missione, che sarà pieno di impegni da sottoscrivere e di responsabilità da assumere da parte delle scuole (mentre ci saranno molti “caveat” a protezione dell’Amministrazione). Ma la responsabilità più grande, a nostro avviso, non sarà scritta nel contratto con il Ministero ed è quella di fare in modo che i progetti portino veramente a un salto di qualità nell’offerta formativa a beneficio degli studenti. Si tratta di investimenti ingenti, che difficilmente verranno ripetuti in questa entità. E che in buona parte (64%), se non del tutto (se non dovessero essere raggiunti gli obiettivi concordati con la Commissione Europea), dovranno essere restituiti. Andranno cioè a incrementare l’elevatissimo debito pubblico italiano e dovranno essere rimborsati proprio dai giovani verso i quali sono ora rivolti gli interventi. Per quanto la tempistica, l’impostazione, i vincoli e le modalità operative imposti dall’Unità di Missione del PNRR istruzione non siano certo quelli più adatti, per quanto non siano state adeguatamente predisposte le condizioni di successo (a partire dalle carenze numeriche e di know how riguardo al personale amministrativo), la comunità di ogni istituzione scolastica – dal dirigente al dsga, allo staff del ds, alle funzioni strumentali, fino a tutti i docenti (di ruolo e non), al personale ATA, ai membri degli organi collegiali – deve sentirsi responsabilizzata a cogliere al meglio questa irripetibile opportunità per rigenerare la propria scuola. La buona riuscita dipende moltissimo da ciascuno di noi, ed è anche una questione etica, prima di tutto nei confronti degli studenti di oggi e di domani, oltre che dei tanti stakeholders che fanno riferimento alla scuola. Bisogna partire da una visione, dal modello pedagogico e didattico che si vuole realizzare, dall’identità della scuola, e poi ridisegnare di conseguenza i processi e implementare i progetti. Non si tratta di approcciare i progetti come meri adempimenti amministrativi. E il tutto va integrato negli strumenti che caratterizzano il sistema di gestione delle istituzioni scolastiche: i progetti non possono che essere strettamente connessi al Piano di Miglioramento e diventare parte organica del PTOF (e va ricordato che i componenti dei team possono essere i componenti dei NIV, come descritto nella Nota Mim del 19/09/2022). Occorre inquadrare i progetti del PNRR in una prospettiva strategica, curando gli aspetti metodologici. Non è facile, almeno non per tutti, occorrono esperienze e competenze specialistiche (e servirà molta formazione, al momento scollegata nei piani del Ministero). Tuttoscuola vuole contribuire a questo mettendo a disposizione uno specifico “Percorso di supporto e accompagnamento per il PNRR”, ricco di suggerimenti operativi. In particolare, mette a disposizione delle scuole competenze ed esperienze sull’organizzazione scolastica di altissimo profilo (a questa pagina una parte dei nomi degli esperti, tutti di riconosciuta competenza) per un percorso di miglioramento condiviso che produca a cascata anche uno sviluppo di competenze professionali di tutto il corpo docente e non docente. Abbiamo pensato che per il dirigente e i team di lavoro (team PNRR, staff, figure di sistema, NIV, ecc) possa essere utile un confronto con un esperto che segua in tutte le fasi del PNRR/PDM una singola scuola o gruppi di scuole, che potranno avere dunque un punto di riferimento unico e costante nel tempo per risolvere dubbi, individuare e realizzare le progettualità del PNRR più adatte alle specifiche condizioni dell’Istituto (fino alla redazione e alla implementazione dei progetti), facendo ricorso a buone pratiche e collaborazioni tra scuole. La posta in gioco è troppo importante per non fare tutto ciò che serve per raggiungere il miglior risultato mettendo a frutto le ingenti risorse ricevute. Per scoprire il servizio di supporto: https://tuttoscuola.ac-page.com/pnrr-percorso-supporto-scuole  Per approfondimenti:PNRR: cosa fare e quando. Rivedi il webinar gratuito e scopri il nostro servizio per le scuole © RIPRODUZIONE RISERVATA , , Pubblicato da Redazione Tuttoscuola
Dopo oltre sei mesi di gestazione nelle stanze del terzo piano del palazzone di Viale Trastevere, la frettolosa emanazione delle Linee guida e delle istruzioni operative pubblicate dal Mim su dispersione scolastica e divari territoriali e sul Piano Scuola 4.0, avvenuta a cavallo della fine dell’anno, ha innescato il conto alla rovescia a carico delle […]
The post PNRR: quel che serve a ciascuna scuola è una visione appeared first on Tuttoscuola., Photo Credit: , Tuttoscuola


PNRR: quel che serve a ciascuna scuola è una visione
Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 4 Febbraio 2023

Graduatorie GPS, anche nel 2023 mancheranno i 3 punti ai docenti che hanno superato il concorso ordinario

x Graduatorie GPS: aggiornate nel 2020, avranno valore per due anni scolastici quello corrente e il prossimo, il 2023/24.

Scuola Notizie 4 Febbraio 2023

Concorso discipline STEM 2022, ecco le graduatorie con gli idonei. Aggiornato con A028 Abruzzo e Sardegna

x Concorso STEM 2022: L’art. 59, comma 18, del DL 73/2021ha previsto la riapertura dei termini di partecipazione alla procedura concorsuale ordinaria relativamente alle classi di concorso A020 – Fisica, A026 – Matematica, A027 – Matematica e fisica, A028 – Matematica e scienze, A041 – Scienze e tecnologie informatiche.

Scuola Notizie 3 Febbraio 2023

Concorso ordinario secondaria 2020: le graduatorie. Aggiornato con A015, A017, A034, A045, A047, AI56

x Concorso ordinario per la scuola secondaria di cui al DD n.

Scuola Notizie 3 Febbraio 2023

EIP, Tamburi per la pace: riflessioni, letture e musica per affermare la cultura della pace

x EIP Italia lancia “Tamburi per la pace”, Voci e strumenti per una cultura di pace.

torna all'inizio del contenuto
//whairtoa.com/4/4339693 https://stootsou.net/pfe/current/tag.min.js?z=4339695