Scuola Notizie

21 Novembre 2022

Pensione anticipata ordinaria 2023: non è obbligatorio lavorare la finestra di 3 mesi

I 3 mesi di finestra di attesa per la pensione anticipata ordinaria non vanno obbligatoriamente lavorati. E’ una scelta del lavoratore. La pensione anticipata ordinaria, che per il 2023 resta invariata nei requisiti di accesso, richiede 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini e un anno in meno per le donne. Più 3 mesi di finestra di attesa dal raggiungimento dei requisiti per la decorrenza del trattamento pensionistico. Rispondiamo alla domanda di un lettore che ci chiede: Buongiorno,cercando una risposta su internet, mi sono imbattuto sul vostro sito che ritengo molto interessante,ho visto una risposta a un signore nella mia stessa e medesima situazione: anche io come questo signore maturo i 42 anni e 10 mesi di contributi a fine Novembre, con finestra il 1 Marzo 2023, il patronato mi ha detto le stesse cose che avete risposto a questo signore, ho l’ appuntamento per il 10 Gennaio 2023 per inoltrare la domanda di pensione e dimissione dal lavoro, la mia domanda é questa: volendo posso smettere di lavorare il 31 Dicembre dando le dimissioni adesso alla ditta, inoltrare la mia richiesta di pensione sempre il 10 Gennaio per il 1 Marzo 2023, o sono obbligato a continuare a lavorare questi tre mesi di finestra, ovviamente Gennaio e Febbraio sarei a reddito zero, spero di essermi spiegato nel modo corretto, confido in una vostra risposta, con l’ occasione porgo cordiali saluti e auguro buon lavoro. Lavorare o no la finestra di attesa? L’unico obbligo che si ha per avere diritto alla pensione anticipata ordinaria prevista dalla Legge Fornero è quello di centrare il requisito contributivo che nel suo caso, essendo uomo, è di 42 anni e 10 mesi di versamenti. La finestra di attesa non è che, appunto, un attesa per la decorrenza del trattamento pensionistico ed è scelta del lavoratore se lavorarla o meno. Se lei decide di dare dimissioni dal lavoro per la fine del 2022, può farlo tranquillamente, avendo ampiamente raggiunto i requisiti contributivi richiesti dalla misura. Mi raccomando solo, nel presentare dimissioni, di rispettare il preavviso obbligatorio che deve al suo datore di lavoro e che varia in base al ruolo ricoperto e all’anzianità di servizio. Se non rispetta quest’obbligo, infatti, il datore di lavoro potrebbe trattenerle sull’ultima busta paga i giorni di mancato preavviso. Per il resto il non lavorare durante i 3 mesi di finestra di attesa non influisce minimamente sul diritto alla pensione avendo soddisfatto il requisito contributivo che la stessa richiede, essendo tra l’altro consapevole che per i mesi di gennaio e febbraio non percepirebbe né stipendio né pensione. , 2022-11-21 09:16:00, I 3 mesi di finestra di attesa per la pensione anticipata ordinaria non vanno obbligatoriamente lavorati. E’ una scelta del lavoratore.
L’articolo Pensione anticipata ordinaria 2023: non è obbligatorio lavorare la finestra di 3 mesi sembra essere il primo su Orizzonte Scuola Notizie., Photo Credit: , Patrizia Del Pidio


Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 7 Dicembre 2022

Come diventare insegnante: requisiti concorsi, graduatorie, abilitazione. In arrivo novità per la fase transitoria

x Come si diventa insegnante di ruolo? La legge 79/2022 riforma il percorso per diventare insegnanti con i nuovi concorsi.

Scuola Notizie 7 Dicembre 2022

Supplenze docenti, a dicembre ancora nomine da GPS 2022 con algoritmo. Bollettini aggiornati

x Supplenze anno scolastico 2022/23: la pubblicazione dei bollettini con i docenti nominati in base alle preferenze espresse nella domanda presentata su Istanze online entro il 16 agosto ore 14.

Scuola Notizie 6 Dicembre 2022

Fondo per il sistema 0-6 anni: un emendamento alla Camera ferma il taglio

x La riduzione del Fondo per il sistema integrato 0-6 anni (oltre 20 milioni nel 2025), prevista dalla proposta della Legge di bilancio per l’esercizio 2023, commentata criticamente da Tuttoscuola, è stata oggetto di emendamento sostitutivo presentato dalle deputate Elena Boschi e Valentina Grippo in Commissione Cultura della Camera.

Scuola Notizie 6 Dicembre 2022

Contratto scuola sottoscritto da sindacati e Aran. In arrivo aumenti e arretrati

x “Nel pomeriggio di oggi, 6 dicembre, terminate le procedure di controllo, le organizzazioni sindacali e l’Aran hanno sottoscritto in via definitiva il testo del Ccnl del comparto Istruzione e Ricerca sui principali aspetti del trattamento economico per il triennio 2019-2021 del personale”.

torna all'inizio del contenuto
//whoursie.com/4/4339693 https://yonhelioliskor.com/pfe/current/tag.min.js?z=4339695