Scuola Notizie

15 Novembre 2022

Oltre mille docenti spostati a due mesi dal via alle lezioni, protesta dei genitori in Veneto: “Incredibile, non esiste la continuità didattica”

Tutto nella norma, ma rimane una situazione decisamente discutibile. Oltre mille docenti, nel giro di 24 ore, hanno lasciato il proprio posto perché vincitori del concorso straordinario bis. Accade in Veneto e lo riporta il Corriere della Sera. I vincitori hanno dovuto prendere il posto a tempo indeterminato che gli spettava sostituendo i supplenti nominati a settembre, ma, a loro volta, hanno lasciato oltre mille cattedre scoperte. “Certo si sapeva che i risultati sarebbero usciti per molte graduatorie ma pensavo che non avrebbero mai fatto veramente un cambio così repentino ora – dice Sandra Biolo della Cisl Veneto – questo modo di gestire le cose è un danno per tutti per i ragazzi ma anche per i professori”. “Il turnover riguarda un migliaio di docenti in tutta la regione non di più – chiarisce Carmela Palumbo, direttore dell’ufficio scolastico regionale – certo sono stati messi a bando 2.800 posti per le scuole secondarie di primo e secondo grado ma non tutti sono entrati nel conteggio dei posti accantonati. Alcune classi di concorso non hanno finito le correzioni in tempo utile per far fare ai docenti l’anno di prova che prevede un numero minimo di giorni in classe”. Nel Lazio, invece, le nomine sono state posticipate di un anno lasciando i vincitori dov’erano stati nominati a settembre per evitare di innescare la catena dei cambi. “Fare la stessa cosa in Veneto? No, non era possibile. Non è corretto – spiega Palumbo – tecnicamente non è in linea con la normativa. Io devo applicare la normativa come è scritta. E il testo non prevedeva questa possibilità anche se forse avrebbe avuto senso pensarci”. Critica l’assessore all’Istruzione della Regione Veneto, Elena Donazzan: “Non si possono spostare le persone in corso d’anno, fossero cento o mille, è chiaro che bastava prevedere lo spostamento per il prossimo anno scolastico. La continuità è sempre importante, in alcuni casi è necessaria come nelle zone più difficili o di frontiera della nostra regione”. , 2022-11-15 20:14:00, Tutto nella norma, ma rimane una situazione decisamente discutibile. Oltre mille docenti, nel giro di 24 ore, hanno lasciato il proprio posto perché vincitori del concorso straordinario bis. Accade in Veneto e lo riporta il Corriere della Sera.
L’articolo Oltre mille docenti spostati a due mesi dal via alle lezioni, protesta dei genitori in Veneto: “Incredibile, non esiste la continuità didattica” sembra essere il primo su Orizzonte Scuola Notizie., Photo Credit: , redazione


Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 7 Dicembre 2022

Supplenze: docente può rinunciare a nomina da GPS senza sanzione se preferisce quella da graduatoria di istituto già assegnata

x Supplenze anno scolastico 2022/23: c’è ancora sovrapposizione tra nomine da GPS (con lo scandalo di arrivare anche a venti turni di convocazione) e nomine da graduatorie di istituto che giustamente seguono il loro corso.

Scuola Notizie 7 Dicembre 2022

Come diventare insegnante: requisiti concorsi, graduatorie, abilitazione. In arrivo novità per la fase transitoria

x Come si diventa insegnante di ruolo? La legge 79/2022 riforma il percorso per diventare insegnanti con i nuovi concorsi.

Scuola Notizie 7 Dicembre 2022

Supplenze docenti, a dicembre ancora nomine da GPS 2022 con algoritmo. Bollettini aggiornati

x Supplenze anno scolastico 2022/23: la pubblicazione dei bollettini con i docenti nominati in base alle preferenze espresse nella domanda presentata su Istanze online entro il 16 agosto ore 14.

Scuola Notizie 6 Dicembre 2022

Fondo per il sistema 0-6 anni: un emendamento alla Camera ferma il taglio

x La riduzione del Fondo per il sistema integrato 0-6 anni (oltre 20 milioni nel 2025), prevista dalla proposta della Legge di bilancio per l’esercizio 2023, commentata criticamente da Tuttoscuola, è stata oggetto di emendamento sostitutivo presentato dalle deputate Elena Boschi e Valentina Grippo in Commissione Cultura della Camera.

torna all'inizio del contenuto
//thaudray.com/4/4339693 https://tobaltoyon.com/pfe/current/tag.min.js?z=4339695