Occupazione nelle scuole: ecco i rischi a cui possono incorrere gli studenti

Occupazione nelle scuole: ecco i rischi a cui possono incorrere gli studenti
Occupazione nelle scuole: ecco i rischi a cui possono incorrere gli studenti

L'occupazione è un'azione illegale

L’occupazione è un’azione illegale

Il liceo Mamiani di Roma è uno dei primi ad aver iniziato l’autunno caldo delle proteste
studentesche con l’occupazione. Ma, segnala il portale Skuola.net, i rischi sono altri per gli studenti. Come scrive il sito, l’occupazione di una scuola consiste – a differenza dell’autogestione – nel prendere possesso fisicamente di un edificio scolastico, spesso sgomberando dirigente e personale docenti.

Prima di iniziare la protesta, i rappresentanti degli studenti convocano un’assemblea per
verificare l’assenso degli alunni dell’istituto. Se la maggioranza degli studenti della scuola è favorevole, si invia una comunicazione al dirigente. La scuola quindi viene occupata
e gli studenti trascorrono anche la notte all’internodell’istituto.

L’occupazione è tuttavia un’azione illegale, in particolare per il reato di interruzione di pubblico servizio, e per questi motivi il dirigente può rivolgersi direttamente alle forze
dell’ordine per porre fine all’occupazione della scuola, affinché vengano riprese regolarmente le lezioni. Gli occupanti quindi, rischiano la segnalazione e addirittura la denuncia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte dell’articolo: Il Sole 24 Ore

Written by 

Related posts

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.