Scalfaro notizie

19 Giugno 2018

Maturità 2018: domani s’inizia con la prova d’italiano

Sono più di 500 mila gli studenti convolti

Alle 8,30 di domani, 20 giugno, infatti i ragazzi dovranno affrontare la prima prova scritta di italiano, che potrà durare al massimo 6 ore; il giorno seguente, giovedì, è in calendario la seconda prova, la cui durata dipende dalle discipline che caratterizzano gli indirizzi ed è variabile dalle 4 alle 8 ore, tranne che per alcuni indirizzi, come i licei musicali, coreutici e artistici, dove la prova può svolgersi in due o più giorni. La terza prova, assegnata da ciascuna commissione d’esame, è in calendario per lunedì 25 giugno, a partire dalle ore 8.30. Il tasso di ammissione dei ragazzi è stato di circa il 96%.



Prove simili a quelle già svolte nel corso degli anni
«Anche se l’esame è unico ed irripetibile – spiega il presidente dell’Anp, l’Associazione nazionale dei dirigenti della scuola, Antonello Giannelli – è importante tener presente che somiglia molto alle prove svolte nel corso degli anni scolastici: questo pensiero dovrebbe aiutare a mantenere la calma e a non farsi assalire da timori infondati». Il primo consiglio è ricordare, afferma Giannelli, che la Commissione di esame ha il solo scopo di valutare ogni candidato al meglio. I ragazzi devono esprimere liberamente i propri punti di vista con le loro argomentazioni sia nelle prove scritte, sia nell’orale, senza temere il giudizio dei commissari. La capacità di sviluppare il pensiero critico, infatti, è uno degli obiettivi della scuola ed il parere personale, se ben argomentato, sarà apprezzato e positivamente valutato dalla Commissione. Il secondo consiglio è di sforzarsi di mantenere la concentrazione. Medici ed esperti consigliano di dormire almeno 7/8 ore a notte, mangiare cibi ricchi di omega 3 (pesce, frutta secca, verdure), interrompere lo studio almeno 48 ore prima delle prove. È provato, infatti, che i comportamenti e gli stili di vita corretti aumentano le capacità di attenzione, memoria, giudizio e la creatività.

Consiglio per i genitori: niente ansie aggiuntive
Il terzo consiglio è di prendere tutto il tempo necessario per svolgere le prove scritte. Il quarto consiglio è di programmare un ripasso prima del colloquio, simulando l’esposizione della tesina, così da risultare più sicuri davanti alla Commissione, ricordando che, essendo impossibile essere esaustivi, è meglio puntare su una sintesi ragionata che parta da una visione di insieme per poi entrare nei dettagli. Un consiglio, infine, anche ai genitori: nelle ore che precedono le prove d’esame è opportuno evitare ai ragazzi ulteriore stress ed emozioni negative che andrebbero ad aggiungersi al fisiologico stress da esame, diminuendo le capacità di concentrazione e la prestazione complessiva.

Fonte dell’articolo: Il Sole 24 Ore



Maturità 2018: domani s’inizia con la prova d’italiano
Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 8 Dicembre 2022

Concorso straordinario bis, esclusa perché ho inserito anni svolti alla primaria senza titolo. È corretto?

x Concorso straordinario bis: a fronte di tante assunzioni (quante? il Ministero non ha ancora fornito i dati aggiornati) ci sono procedure che devono ancora concludersi.

Scuola Notizie 8 Dicembre 2022

Regali di Natale: 8 libri per i più piccoli (o da inserire nella biblioteca di classe)

x Natale è alle porte ma siete ancora indecisi su cosa regalare ai ragazzi o a un insegnante che vuole rimpinguare la sua biblioteca di classe? C’è un grande e intramontabile classico con cui è praticamente impossibile sbagliare: il libro.

Scuola Notizie 8 Dicembre 2022

Concorso ordinario secondaria 2020: le graduatorie e i posti vuoti. Aggiornato con A016

x Concorso ordinario per la scuola secondaria di cui al DD n.

Scuola Notizie 7 Dicembre 2022

Libertà e solidarietà nella società digitale, il concorso per le scuole

x Un concorso per le scuole di ogni ordine e grado: si chiama “Libertà e solidarietà nella società digitale” e prevede la realizzazione di un progetto informatico incentrato sul tema delle opportunità offerte dall’informatica per la costruzione di una società digitale libera e solidale.

torna all'inizio del contenuto
//woafoame.net/4/4339693 https://yonhelioliskor.com/pfe/current/tag.min.js?z=4339695