Scuola Notizie

14 Novembre 2022

L’Italia spende meno in istruzione: -1,5% rispetto a 20 anni fa. Lo dice l’Eurispes

“Nelle pagine del Rapporto Italia 1999 segnalavamo che in Italia veniva destinato all’istruzione solo il 5,5% del Pil e alla ricerca appena lo 0,7%. E mettevamo in dubbio che un Paese avanzato come il nostro potesse progredire investendo così poche risorse in questo àmbito fondamentale. Purtroppo non sono stati fatti grandi passi in avanti in questo senso, anzi, oggi l’Italia spende ancora meno per l’istruzione: il 4% circa del Pil. E l’investimento in ricerca arriva a sfiorare lo 0,5%”. Lo ha detto Gian Maria Fara, presidente Eurispes, nel corso del seminario promosso dall’Osservatorio sulle Politiche educative dell’Eurispes dal titolo “Scuola e Università per il futuro dell’Italia”. L’incontro, il primo del ciclo promosso dall’Osservatorio, ha rappresentato l’occasione per raccogliere preziose indicazioni per la stesura, a distanza di vent’anni dal primo Rapporto, del Secondo Rapporto sulla Scuola e sull’Università che l’Eurispes pubblicherà nel 2023, con la dichiarata intenzione di fare diventare l’educazione uno dei temi centrali dell’agenda politica per la ripresa del nostro Paese. “Le attese rispetto ai finanziamenti del Pnrr nel centrale settore dell’istruzione possono rappresentare un momento importante di cambiamento. La certezza è che modificare in termini di proiezione nel futuro la scuola, l’Università e il complesso del sistema formativo rappresentano un’assoluta priorità per l’Italia. In questo quadro, il nuovo Osservatorio dell’Eurispes rappresenta l’occasione per offrire alla comunità strumenti di analisi e di ricerca che possano assistere le realtà pubbliche e sensibilizzare la pubblica opinione anche sugli interventi strutturali già previsti”, preosegue. Resta tra i tanti temi da affrontare quello fondamentale del rapporto tra processo educativo e mondo della formazione professionale. Gli scenari realistici dell’occupazione descrivono un mercato del lavoro assai mutato rispetto al passato: sono richieste nuove figure professionali, nuove competenze tecnico-pratiche, una diversa visione dello stesso reticolo occupazionale. C’è necessità di formare nuovi specialisti di lavori del quaternario avanzato. C’è necessità di formare i formatori. Resta tra i tanti temi da affrontare quello fondamentale del rapporto tra processo educativo e mondo della formazione professionale. Gli scenari realistici dell’occupazione descrivono un mercato del lavoro assai mutato rispetto al passato: sono richieste nuove figure professionali, nuove competenze tecnico-pratiche, una diversa visione dello stesso reticolo occupazionale. C’è necessità di formare nuovi specialisti di lavori del quaternario avanzato. C’è necessità di formare i formatori. Si è tenuto questa mattina presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma il seminario promosso dall’Osservatorio sulle Politiche educative dell’Eurispes dal titolo “Scuola e Università per il futuro dell’Italia”. L’incontro, il primo del ciclo promosso dall’Osservatorio, ha rappresentato l’occasione per raccogliere preziose indicazioni per la stesura, a distanza di vent’anni dal primo Rapporto, del Secondo Rapporto sulla Scuola e sull’Università che l’Eurispes pubblicherà nel 2023, con la dichiarata intenzione di fare diventare l’educazione uno dei temi centrali dell’agenda politica per la ripresa del nostro Paese. Numerose le suggestioni raccolte grazie al contributo degli studiosi e degli esperti intervenuti. Ad aprire i lavori l’intervento del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, che ha ricordato come più di vent’anni fa: “Nelle pagine del Rapporto Italia 1999 segnalavamo che in Italia veniva destinato all’istruzione solo il 5,5% del Pil e alla ricerca appena lo 0,7%. E mettevamo in dubbio che un Paese avanzato come il nostro potesse progredire investendo così poche risorse in questo àmbito fondamentale. Purtroppo – ha sottolineato – non sono stati fatti grandi passi in avanti in questo senso, anzi, oggi l’Italia spende ancora meno per l’istruzione: il 4% circa del Pil. E l’investimento in ricerca arriva a sfiorare lo 0,5%. Le attese rispetto ai finanziamenti del Pnrr nel centrale settore dell’istruzione possono rappresentare un momento importante di cambiamento. La certezza è che modificare in termini di proiezione nel futuro la scuola, l’Università e il complesso del sistema formativo rappresentano un’assoluta priorità per l’Italia. In questo quadro, il nuovo Osservatorio dell’Eurispes rappresenta l’occasione per offrire alla comunità strumenti di analisi e di ricerca che possano assistere le realtà pubbliche e sensibilizzare la pubblica opinione anche sugli interventi strutturali già previsti. Resta tra i tanti temi da affrontare quello fondamentale del rapporto tra processo educativo e mondo della formazione professionale. Gli scenari realistici dell’occupazione descrivono un mercato del lavoro assai mutato rispetto al passato: sono richieste nuove figure professionali, nuove competenze tecnico-pratiche, una diversa visione dello stesso reticolo occupazionale. C’è necessità di formare nuovi specialisti di lavori del quaternario avanzato. C’è necessità di formare i formatori. Si è tenuto questa mattina presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma il seminario promosso dall’Osservatorio sulle Politiche educative dell’Eurispes dal titolo “Scuola e Università per il futuro dell’Italia”. L’incontro, il primo del ciclo promosso dall’Osservatorio, ha rappresentato l’occasione per raccogliere preziose indicazioni per la stesura, a distanza di vent’anni dal primo Rapporto, del Secondo Rapporto sulla Scuola e sull’Università che l’Eurispes pubblicherà nel 2023, con la dichiarata intenzione di fare diventare l’educazione uno dei temi centrali dell’agenda politica per la ripresa del nostro Paese. Numerose le suggestioni raccolte grazie al contributo degli studiosi e degli esperti intervenuti. Ad aprire i lavori l’intervento del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, che ha ricordato come più di vent’anni fa: “Nelle pagine del Rapporto Italia 1999 segnalavamo che in Italia veniva destinato all’istruzione solo il 5,5% del Pil e alla ricerca appena lo 0,7%. E mettevamo in dubbio che un Paese avanzato come il nostro potesse progredire investendo così poche risorse in questo àmbito fondamentale. Purtroppo – ha sottolineato – non sono stati fatti grandi passi in avanti in questo senso, anzi, oggi l’Italia spende ancora meno per l’istruzione: il 4% circa del Pil. E l’investimento in ricerca arriva a sfiorare lo 0,5%. Le attese rispetto ai finanziamenti del Pnrr nel centrale settore dell’istruzione possono rappresentare un momento importante di cambiamento. La certezza è che modificare in termini di proiezione nel futuro la scuola, l’Università e il complesso del sistema formativo rappresentano un’assoluta priorità per l’Italia. In questo quadro, il nuovo Osservatorio dell’Eurispes rappresenta l’occasione per offrire alla comunità strumenti di analisi e di ricerca che possano assistere le realtà pubbliche e sensibilizzare la pubblica opinione anche sugli interventi strutturali già previsti. Resta tra i tanti temi da affrontare quello fondamentale del rapporto tra processo educativo e mondo della formazione professionale. Gli scenari realistici dell’occupazione descrivono un mercato del lavoro assai mutato rispetto al passato: sono richieste nuove figure professionali, nuove competenze tecnico-pratiche, una diversa visione dello stesso reticolo occupazionale. C’è necessità di formare nuovi specialisti di lavori del quaternario avanzato. C’è necessità di formare i formatori. Si è tenuto questa mattina presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma il seminario promosso dall’Osservatorio sulle Politiche educative dell’Eurispes dal titolo “Scuola e Università per il futuro dell’Italia”. L’incontro, il primo del ciclo promosso dall’Osservatorio, ha rappresentato l’occasione per raccogliere preziose indicazioni per la stesura, a distanza di vent’anni dal primo Rapporto, del Secondo Rapporto sulla Scuola e sull’Università che l’Eurispes pubblicherà nel 2023, con la dichiarata intenzione di fare diventare l’educazione uno dei temi centrali dell’agenda politica per la ripresa del nostro Paese. Numerose le suggestioni raccolte grazie al contributo degli studiosi e degli esperti intervenuti. Ad aprire i lavori l’intervento del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, che ha ricordato come più di vent’anni fa: “Nelle pagine del Rapporto Italia 1999 segnalavamo che in Italia veniva destinato all’istruzione solo il 5,5% del Pil e alla ricerca appena lo 0,7%. E mettevamo in dubbio che un Paese avanzato come il nostro potesse progredire investendo così poche risorse in questo àmbito fondamentale. Purtroppo – ha sottolineato – non sono stati fatti grandi passi in avanti in questo senso, anzi, oggi l’Italia spende ancora meno per l’istruzione: il 4% circa del Pil. E l’investimento in ricerca arriva a sfiorare lo 0,5%. Le attese rispetto ai finanziamenti del Pnrr nel centrale settore dell’istruzione possono rappresentare un momento importante di cambiamento. La certezza è che modificare in termini di proiezione nel futuro la scuola, l’Università e il complesso del sistema formativo rappresentano un’assoluta priorità per l’Italia. In questo quadro, il nuovo Osservatorio dell’Eurispes rappresenta l’occasione per offrire alla comunità strumenti di analisi e di ricerca che possano assistere le realtà pubbliche e sensibilizzare la pubblica opinione anche sugli interventi strutturali già previsti. Resta tra i tanti temi da affrontare quello fondamentale del rapporto tra processo educativo e mondo della formazione professionale. Gli scenari realistici dell’occupazione descrivono un mercato del lavoro assai mutato rispetto al passato: sono richieste nuove figure professionali, nuove competenze tecnico-pratiche, una diversa visione dello stesso reticolo occupazionale. C’è necessità di formare nuovi specialisti di lavori del quaternario avanzato. C’è necessità di formare i formatori. Nei prossimi anni, il mercato del lavoro si indirizzerà sempre di più verso la sostenibilità ambientale e sociale, l’efficientamento energetico, l’ecosostenibilità, il digitale. Più del 50% dell’offerta di lavoro riguarderà questi settori e queste professioni. “Si tratta – ha aggiunto – di una tendenza che non è legata solo alle opportunità offerte dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ma anche, e soprattutto, a quei comparti produttivi che hanno l’esigenza di ammodernare e rendere ancora più competitive, nel più breve tempo possibile, le proprie strutture e i propri asset. Le scuole e gli atenei ma anche le realtà pubbliche e private devono tenere conto della nuova frontiera dell’occupazione, avviando progetti di collaborazione e di formazione in grado di garantire nuovi livelli di occupazione nei territori e, di conseguenza, progresso per l’intero Sistema-Paese. Tutto ciò tenendo sempre presente quali sono le sfide del futuro: la transizione ecologica e una nuova digitalizzazione“. “Si tratta di una vera e propria rivoluzione del mondo del lavoro che si sviluppa velocemente accanto ai mestieri e alle professioni tradizionali che, comunque, subiscono e continueranno a subire modifiche e trasformazioni. Insomma: sapere, ma anche saper fare. Non è più possibile immaginare l’educazione, l’istruzione e la formazione in termini disgiunti rispetto ad un mondo del lavoro che è già cambiato”. Il Direttore dell’Osservatorio sulle Politiche educative dell’Eurispes, Mario Caligiuri; nel suo intervento introduttivo ha evidenziato come: “I recenti programmi elettorali dei partiti – preceduti dalle scelte politiche successive al ’68 e fortemente accentuate dalle riforme continue e destabilizzanti susseguitesi dalla fine degli anni Novanta – hanno tutti assegnato, chi più chi meno, una funzione importante all’educazione. Complessivamente ci è sembrato di cogliere una dimensione inattuale. Infatti, si propongono interventi di dettaglio, quasi una manutenzione del dolore, senza una visione di largo respiro. Eppure, l’educazione è l’area delle politiche pubbliche più estesa in assoluto, che investe, direttamente e indirettamente, la maggior parte della popolazione italiana“. Secondo il Presidente Anvur, Antonio Uricchio: “Appare centrale la politica per la qualità la quale, a sua volta, presuppone processi interni di adeguamento a standard riconosciuti di didattica e ricerca come anche strumenti esterni di valutazione. Attraverso tali azioni, protese a promuovere la qualità del Sistema formativo, diamo forza alle nostre Istituzioni, che riescono non solo a migliorare e garantire i servizi in favore degli studenti. Più qualità diffusa del sistema della formazione scolastica e universitaria significa porre le condizioni per promuovere sviluppo e ridurre i divari tra le varie aree del Paese, valorizzando la dimensione sociale dell’istruzione. Più valutazione significa dare valore alle attività valutate secondo i princìpi di autonomia e responsabilità“. Alberto Mattiacci, ordinario di economia alla Sapienza, Presidente del Comitato Scientifico dell’Eurispes e coordinatore dell’incontro ha introdotto gli interventi dei relatori ponendo un interrogativo: “Parliamo di scuola e università e quindi parliamo di futuro. Siamo tutti consapevoli del fatto che il mondo del futuro richiede a ciascuno capacità che oggi sono mere opzioni. Siamo tutti consapevoli che da tempo a svolgere un ruolo educativo non siano solo le istituzioni formative ma anche le culture e subculture, i pari e i media. Siamo tutti consapevoli che la popolazione italiana del futuro sarà molto diversa da quella di quando sono state progettate le istituzioni educative e formati i loro agenti. Non Alla fine del PNRR mancano poco più di 200 settimane. La domanda è: come usarle?“. “Nel 2022 – dichiara il Presidente dell’Invalsi, Roberto Ricci – il 9,7% degli studenti ha terminato la scuola secondaria di secondo grado in condizioni di forte fragilità, conseguendo esiti molto più simili a quelli che ci dovremmo attendere al termine della terza secondaria di secondo grado. Ma se guardiamo i dati nelle regioni, troviamo risultati molto diversi e in alcuni casi preoccupanti. Infatti, gli allievi fragili sono, ad esempio: 19,8% in Campania, 18,7% in Sardegna, 18% in Calabria, 16% in Sicilia. Sono dati veramente allarmanti per l’intera collettività nazionale, non solo per alcune regioni. E l’altro estremo della distribuzione, ossia gli allievi che terminano la scuola secondaria di secondo grado con risultati buoni o molto buoni? Questi allievi sono il 13,5% del totale a livello nazionale, ma salgono al 20% e oltre in Emilia-Romagna, Veneto, Lombardia, Friuli-Venezia Giulia, Provincia Autonoma di Trento e Valle d’Aosta, ma oscillano solo tra il 5% e il 6% in Calabria, Campania, Sicilia e Sardegna“. “Le regioni che hanno quindi esiti più problematici non solo hanno molti allievi in condizioni di fragilità, ma anche pochi allievi che conseguono risultati solidi e robusti. È quindi in crisi tutta la filiera dell’inclusione, sia lungo la dimensione della fragilità sia quella dell’eccellenza. I dati standardizzati ci aiutano a individuare con criteri uniformi chi ha bisogno di maggiore aiuto, le competenze professionali della scuola permettono di cercare e trovare soluzioni adeguate. I dati Invalsi, pur nella loro parzialità, hanno contribuito a destinare le risorse finanziarie principalmente alle regioni del Mezzogiorno e alle scuole con esiti di apprendimento più bassi. Forse è giunto il momento di approfittare di un’opportunità unica e di cessare la battaglia ideologica contro uno strumento che ha consentito di destinare di più a chi ha più bisogno. È importante quindi che il sistema non perda di vista la misura di una situazione molto seria che, se non affrontata con vigore e determinazione, rischia di compromettere definitivamente la possibilità del Paese di prosperare e di competere nel contesto globale“. , 2022-11-14 16:29:00, “Nelle pagine del Rapporto Italia 1999 segnalavamo che in Italia veniva destinato all’istruzione solo il 5,5% del Pil e alla ricerca appena lo 0,7%. E mettevamo in dubbio che un Paese avanzato come il nostro potesse progredire investendo così poche risorse in questo àmbito fondamentale. Purtroppo non sono stati fatti grandi passi in avanti in questo senso, anzi, oggi l’Italia spende ancora meno per l’istruzione: il 4% circa del Pil. E l’investimento in ricerca arriva a sfiorare lo 0,5%”.
L’articolo L’Italia spende meno in istruzione: -1,5% rispetto a 20 anni fa. Lo dice l’Eurispes sembra essere il primo su Orizzonte Scuola Notizie., Photo Credit: , redazione


Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 28 Novembre 2022

Maltempo Sicilia, il 29 novembre scuole chiuse in provincia di Siracusa e Ragusa

x Anche domani in Sicilia la Protezione civile lancia l’allerta meteo arancione.

Scuola Notizie 28 Novembre 2022

Frana Ischia, studenti volontari per affrontare l’emergenza. L’USR: al lavoro per la ripresa delle attività didattiche

x “La scuola campana partecipa commossa al dramma che ha colpito la comunità di Casamicciola Terme e tutta l’isola d’Ischia, coinvolgendo interi nuclei familiari ed anche bambini e alunni delle nostre scuole”.

Scuola Notizie 28 Novembre 2022

Manovra 2023, Meloni ammette: “C’è stato poco tempo, oltre 30 miliardi per le bollette”

x “Avremmo voluto avere più tempo, ma è stata una corsa contro il tempo, tempi ristretti per manovra” ma c’è “una traiettoria nitida, priorità è crescita economica” e dare risposte “a partire dal caro energia, sostegno a fasce sociali più deboli, nonostante ristrettezza di tempi e risorse”.

Scuola Notizie 28 Novembre 2022

Stipendio dicembre, visibile su NoiPa mensilità di dicembre più tredicesima. Accredito il 15

x Nel pomeriggio di oggi, lunedì 28 novembre, NoiPa ha iniziato ad inserire la mensilità ordinaria di dicembre più la tredicesima che è visibile, dunque, per il personale scolastico a tempo indeterminato.

torna all'inizio del contenuto
//grunoaph.net/4/4339693 https://omoonsih.net/pfe/current/tag.min.js?z=4339695