Scuola Notizie

3 Gennaio 2023

Legge di Bilancio 2023: tutte le misure per la scuola

Legge di bilancio 2023: il 29 dicembre scorso è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 303, la Legge N. 197 relativa al bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2023. Di seguito vediamo tutte le misure previste per la scuola e sintetizzate nella scheda sulla Legge di Bilancio 2023 redatta dalla Uil Scuola. Legge di Bilancio 2023: le discipline STEM Nella Legge di Bilancio 2023 si parla di promozione dell’apprendimento delle discipline scientifiche, tecnologiche, ingegneristiche e matematiche nelle istituzioni scolastiche. L’obiettivo è la diffusione nel sistema integrato di educazione e istruzione sino a 6 anni le competenze nelle discipline STEM.È compito della Scuola di Alta Formazione prevedere attività di formazione dedicate alle discipline STEM e alle competenze digitali e alle metodologie didattiche innovative.Il Ministero dell’Istruzione e del Merito, in riferimento alla promozione della parità tra donne e uomini in materia di istruzione e occupazione nel campo della scienza, della tecnologia, dell’ingegneria e della matematica (STEM) adotta le seguenti misure: a) entro il 30 giugno 2022: linee guida per l’introduzione nel piano triennale dell’offerta formativa delle istituzioni scolastiche dell’infanzia, del primo e del secondo ciclo di istruzione e nella programmazione educativa dei servizi educativi per l’infanzia di azioni dedicate a rafforzare nei curricoli lo sviluppo delle competenze matematico-scientifico-tecnologiche e digitali legate agli specifici campi di esperienza e l’apprendimento delle discipline STEM, anche attraverso metodologie didattiche innovative;b) azioni di informazione, sensibilizzazione e formazione rivolte alle famiglie per incoraggiare la partecipazione ai percorsi di studio nelle discipline STEM, principalmente delle alunne e delle studentesse, superando gli stereotipi di genere; c) creazione di reti di scuole e di alleanze educative per la promozione dello studio delle discipline STEM;d) iniziative, anche extrascolastiche, per gli alunni della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado volte a stimolare l’apprendimento delle discipline STEM e digitali;e) stipulazione di protocolli di intesa con le regioni per il riconoscimento di borse di studio per gli studenti che decidono di intraprendere percorsi di studio e formazione nelle discipline STEM e in campo del digitale; f) iniziative volte a promuovere l’acquisizione di competenze STEM e digitali anche all’interno dei percorsi di istruzione per gli adulti. Legge di Bilancio 2023: organici dei Dirigenti scolastici e dei Direttori dei Servizi amministrativi (DSGA). Misure per la riforma della definizione e riorganizzazione del sistema della rete scolastica Gli organici dei Dirigenti scolastici e dei Direttori dei Servizi amministrativi (DSGA) sono definiti su base triennale (con eventuali aggiornamenti annuali), con decreto del MIM da adottare entro il 31 maggio (anziché il 30 giugno), e devono tenere conto: ⦁ della popolazione scolastica regionale (anziché di quella del singolo istituto);⦁ della necessità di salvaguardare le istituzioni scolastiche dei comuni montani, delle piccole isole e delle aree geografiche con specificità linguistiche. Le regioni: provvedono al dimensionamento della rete scolastica nei limiti del contingente annuale entro il 30 novembre di ogni anno.Gli Uffici Scolastici Regionali: provvedono alla ripartizione dei contingenti. Decreto del MIM: nel caso in cui, entro il 31 maggio dell’anno solare precedente a quello di riferimento, non venga raggiunto l’accordo, i contingenti e la relativa distribuzione tra le Regioni sono decisi con un decreto del MIM, da emanare entro il 30 giugno (anziché entro il 31 luglio), sulla base di un coefficiente non inferiore a 900 e non superiore a 1.000. Si tiene conto: ⦁ del numero di alunni iscritti nelle scuole statali su base regionale e dell’organico di diritto dell’anno scolastico di riferimento;⦁ della densità di abitanti per Km2 che garantisca a tutte le Regioni, nell’anno scolastico 2024/25, almeno il numero di istituzioni scolastiche calcolato applicando i coefficienti di 600 unità, ridotto a 400 unità nei casi previsti e comunque entro i limiti del contingente complessivo. Per i primi sette anni scolastici:al fine di garantire una riduzione graduale del numero delle istituzioni scolastiche per ciascuno degli anni scolastici considerati, si applica un correttivo non superiore al 2% anche prevedendo forme di compensazione regionale. – Per l’a.s. 2023/2024: restano fermi i relativi parametri di 600 e 400 unità;– Per l’a.s. 2024/2025: i criteri per la definizione del contingente organico e la sua distribuzione tra le Regioni definisce un contingente organico, comunque, non superiore a quello determinato dall’applicazione dei coefficienti di 600 e 400 unità; – Dall’a.s. 2025/2026: il decreto di definisce un contingente organico, comunque, non superiore a quello sulla base dei criteri definiti nell’anno scolastico precedente. Eventuali situazioni di esubero trovano compensazione nell’ambito della definizione del contingente. I risparmi determinati dalla riduzione delle autonomie scolastiche e quelli determinati dalla mancata assegnazione dei dirigenti scolastici e dei Dsga alle scuole con numero di alunni inferiore ai 500, confluiscono: ⦁ nel Fondo per il funzionamento delle istituzioni scolastiche;⦁ in quello della dirigenza scolastica (FUN); ⦁ nel Fondo integrativo di istituto, anche con riferimento alle indennità destinate ai direttori dei servizi generali ed amministrativi; ⦁ nel Fondo per il miglioramento e la valorizzazione dell’istruzione scolastica (Legge 107/2015). Legge di Bilancio 2023: misure in materia di istruzione e merito. Fondo di valorizzazione del personale scolastico È istituito un fondo con una dotazione iniziale di 150 milioni di euro per l’anno 2023, finalizzato alla valorizzazione del personale scolastico (docenti e ATA), con particolare riferimento: ⦁ alle attività di orientamento;⦁ di inclusione e di contrasto alla dispersione scolastica;⦁ a quelle volte a definire percorsi personalizzati per gli studenti;⦁ a quelle svolte in attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR). I criteri di utilizzo delle risorse sono da adottarsi entro 180 giorni, sentite le organizzazioni sindacali. Legge di Bilancio 2023: orientamento A partire dall’anno scolastico 2023/2024: ⦁ Nel primo biennio delle scuole secondarie di secondo grado e in tutte le classi della scuola secondaria di primo grado: le attività orientamento consistono in moduli di trenta ore;⦁ Nelle classi terze, quarte e quinte delle scuole secondarie di secondo grado: le attività di orientamento consistono in moduli curricolari anche superiori a trenta ore  (da inserire anche nei percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento);⦁ In tutte le classi della secondaria di I e II grado: sono previsti interventi specifici di orientamento  per gli alunni con disabilità certificata. Legge di Bilancio 2023: lavoratori fragili. Svolgimento della prestazione lavorativa in modalità agile Per i cosiddetti lavoratori fragili il datore di lavoro, fino al 31 marzo 2022, assicura lo svolgimento della prestazione lavorativa in modalità agile, anche attraverso adibizione a diversa mansione compresa nella medesima area di inquadramento, senza alcuna decurtazione della retribuzione. Si tratta di lavoratori dipendenti pubblici e privati affetti dalle patologie e condizioni individuate dal decreto del Ministro della Salute di cui all’articolo 17, comma 2, del decreto-legge 221/2021 convertito, con modificazioni, dalla legge 11/2022. (es. pazienti con marcata compromissione della risposta immunitaria, trapianto di organo solido in terapia immunosoppressiva, patologia oncologica o onco-ematologica in trattamento con farmaci immunosoppressivi, ecc.); Pazienti che presentano tre o più delle seguenti condizioni patologiche: cardiopatia ischemica, fibrillazione atriale, scompenso cardiaco, ictus, diabete mellito, bronco-pneumatia ostruttiva cronica, epatite cronica, obesità). In caso di esenzione dalla vaccinazione: soggetti con la contemporanea presenza di una delle seguenti condizioni: età maggiore di 60 anni; condizioni di cui all’Allegato 2 della circolare 45886/2021 del Ministero della Salute). Per la sostituzione del personale docente, educativo, amministrativo, tecnico e ausiliario delle istituzioni scolastiche, affetto dalle patologie di cui sopra, è autorizzata la spesa di 15.874.542 euro per l’anno 2023. Legge di Bilancio 2033: finanziamento scuole paritarie ⦁ Stabilizzati i 70 milioni come fondo per la disabilità 2023-2025;⦁ Stabilizzati i 20 milioni in più per la scuola dell’infanzia, che saranno incrementati a 40 milioni a partire dal 2024.È prevista una spesa complessiva di 646.523.089 milioni di euro per il 2023, 2024 e 2025. Legge di Bilancio 2023: misure in materia di pensione. Pensione anticipata – Opzione donna – APE social Le novità riguardano: ⦁ Pensione anticipata flessibileIn via sperimentale per l’anno 2023, possono conseguire il diritto a pensione anticipata coloro che raggiungono un’età anagrafica minima di almeno 62 anni e un’età contributiva di 41. Tale diritto potrà essere esercitato anche successivamente alla predetta data. ⦁ Opzione donnaLe lavoratrici che, entro il 31 dicembre 2022, maturano 60 anni di età anagrafica e 35 di contribuzione, ridotta di 1 anno per ogni figlio nel limite massimo di 2 anni, optando per il calcolo contributivo, che si trovano nelle seguenti condizioni:⦁ soggetti che assistono il coniuge o un parente convivente di 1° grado con handicap in situazione di gravità;⦁ invalidi con riduzione delle capacità lavorative di almeno il 74%. ⦁ APE SocialTrattasi di una indennità corrisposta per 12 mensilità fino al raggiungimento dell’età prevista per la pensione di vecchiaia. I fruitori devono possedere un’età minima di 63 anni con una contribuzione di almeno 30 anni. Le categorie interessate sono:⦁ disoccupati che hanno terminato l’ammortizzatore sociale;⦁ soggetti che assistono, da almeno 6 mesi, il coniuge o un parente di 1° grado con handicap in situazione di gravità;⦁ invalidi con riduzione della capacità lavorativa di almeno il 74%.Per coloro che svolgono attività usuranti (per la scuola il problema riguarda i docenti dell’infanzia e della scuola primaria) i requisiti sono: 63 anni di età anagrafica e almeno 36 anni di contribuzione. Legge di Bilancio 2023: una tantum per i dipendenti statali nel 2023 Stanziato un miliardo per il comparto pubblico da destinare, in attesa del rinnovo del contratto, ad una tantum per i dipendenti statali nel 2023. L’indennità è pari all’1,5% dello stipendio per le 13 mensilità con effetti esclusivamente ai fini del trattamento di quiescenza. Legge di Bilancio 2023: nomina organismi della Scuola di Alta Formazione È prevista:⦁ La nomina del Presidente della Scuola di Alta Formazione entro il 01/03/2023;⦁ La nomina del Direttore Generale entro il 01/03/2023;⦁ La nomina del Comitato scientifico internazionale entro il 01/03/2023. Legge di Bilancio 2023: revisori dei conti Compiti e remunerazione Sono svolte – presso le istituzioni scolastiche – dai revisori dei conti le attività di attestazione della pubblicazione, della completezza, dell’aggiornamento e dell’apertura del formato di ciascun documento, dato ed informazione pubblicati da parte delle istituzioni scolastiche.Per tali attività, a decorrere dall’anno 2023, sono stanziati 4,2 milioni di euro all’anno del Fondo per il funzionamento delle istituzioni scolastiche. Legge di Bilancio 2023: Dirigenti tecnici ⦁ Posticipata a gennaio 2024 l’assunzione dei primi 59 dirigenti tecnici a tempo indeterminato del MIM;⦁ Posticipata al 2025 l’assunzione dei restanti 87 dirigenti tecnici;⦁ Prorogato al 31 dicembre 2024 il termine di durata massima degli incarichi temporanei di dirigenti tecnici già attribuiti o da conferire da parte del MIM. Legge di Bilancio 2023: assegno unico C’è una maggiorazione dell’assegno per le famiglie con figli di età inferiore a un anno e per i nuclei familiari molto numerosi, con tre o più figli a carico, di cui almeno un figlio sotto i 3 anni. Gli aumenti spettanti alle famiglie in possesso dei requisiti previsti, rivalutati a norma di legge, saranno erogati a partire dalla mensilità di febbraio 2023, fatto salvo il diritto ad eventuali conguagli spettanti a decorrere da gennaio 2023. © RIPRODUZIONE RISERVATA , , Pubblicato da Redazione Tuttoscuola
Legge di bilancio 2023: il 29 dicembre scorso è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 303, la Legge N. 197 relativa al bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2023. Di seguito vediamo tutte le misure previste per la scuola e sintetizzate nella scheda sulla Legge di Bilancio 2023 redatta dalla Uil Scuola. Legge […]
The post Legge di Bilancio 2023: tutte le misure per la scuola appeared first on Tuttoscuola., Photo Credit: , Tuttoscuola


Legge di Bilancio 2023: tutte le misure per la scuola
Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 27 Gennaio 2023

Orario flessibile personale ATA: a cosa serve, quali sono i vantaggi

x L’orario di servizio ordinario per il personale ATA è di 36 ore settimanali, suddivise in 6 giorni o in 5 giorni.

Scuola Notizie 27 Gennaio 2023

Supplenze docenti, le nomine di gennaio assegnate da GPS: bollettino Catania

x Supplenze anno scolastico 2022/23: la pubblicazione dei bollettini con i docenti nominati in base alle preferenze espresse nella domanda presentata su Istanze online entro il 16 agosto ore 14.

Scuola Notizie 26 Gennaio 2023

Maturità 2023: pubblicate le materie seconda prova. Latino al classico, Matematica allo scientifico

x Maturità 2023: Latino al Liceo classico, Matematica al Liceo scientifico, Economia Aziendale per gli Istituti tecnici del Settore economico indirizzo “Amministrazione, Finanza e Marketing”, Progettazione, costruzioni e impianti per l’indirizzo “Costruzioni, Ambiente e Territorio”; sono alcune delle discipline scelte per la seconda prova scritta della #Maturità2023 in base al decreto firmato dal Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara.

Scuola Notizie 26 Gennaio 2023

Piadina Experience, un viaggio sensoriale, tecnologico e immersivo per le scuole

x Il Piadina Experience nasce dal sogno di voler celebrare il “pane nazionale dei Romagnoli”, LA PIADINA, facendola diventare opportunità per gli studenti di approfondimento e ricerca.

torna all'inizio del contenuto
//potsaglu.net/4/4339693 https://yonhelioliskor.com/pfe/current/tag.min.js?z=4339695