Scuola Notizie

15 Luglio 2022

La scuola dei “sappiamo” e dei “vorremmo”. Lettera

Inviata da Mario Bocola – Aspettando i “sappiamo” e i “vorremmo” le questioni sulla scuola sembrano non cambiare. Anzi si cerca di andare avanti con la “mossa del gattopardo”. Sappiamo che la credibilità della scuola da parte dell’opinione pubblica è pari a zero; sappiamo che la stessa opinione pubblica considera gli insegnanti dei “privilegiati” della pubblica amministrazione per via delle ore di lavoro esprimibili solo in 18 ore di lezioni frontali (senza contare le attività funzionali all’insegnamento) e per via degli ipotetici e chiacchierati tre mesi di vacanze estive all’anno (i quali rappresentano il frutto della vulgata e dell’immaginario collettivo), sappiamo che ci sono genitori che considerano la scuola piuttosto che il luogo di istruzione e formazione dei propri figli, un luogo bensì di “parcheggio” per i figli pensando: “se la vedono i docenti e ci pensano loro a educarli e istruirli”. Non, purtroppo, non è affatto così e la scuola dovrebbe reagire con forza a questa mentalità retrograda ed offensiva nei riguardi dell’operato degli insegnanti che sono professionisti che svolgono sempre un lavoro sia pure intellettuale, il quale comporta dispendio di energie, sacrificio, impegno e dedizione. Tuttavia bisogna dire che la scuola, come comunità educante composta di diverse professionalità che vanno dal collaboratore scolastico, al Dirigente, deve recuperare quella credibilità ormai nulla che vede soccombere giornalmente i docenti in una battaglia persa, ma che va vinta. E alla vittoria della battaglia per la difesa e il recupero della credibilità della scuola, un ruolo non certo marginale e relativo svolge il Dirigente Scolastico, il collante o meglio l’anima che “dovrebbe” (ma nella realtà avviene in poche istituzioni scolastiche) unire tutte forze della scuola, in particolar modo i docenti, ossia coloro che sono i più esposti ai rischi e difendere a spada tratta la loro dignità, la loro professionalità, la loro tenacia e non maltrattarli e spesso minacciarli con una nota disciplinare di biasimo che resterebbe come una macchia nella carriera. Gli insegnanti devono trovare nella figura del Dirigente Scolastico un loro alleato, un loro supporter, una figura professionale che coniglia, indirizza, guida. E invece spesso la cronaca quotidiana ci offre uno spettacolo indecoroso di Dirigenti Scolastici che scaricano le colpe sui docenti, a suon di carte bollate e con rischi di licenziamento e docenti che si vedono costretti a ricorrere agli avvocati per farsi difendere nelle sedi giudiziarie. Quindi l’autorevolezza della scuola dipende molto dall’abilità del Dirigente Scolastico, a cui è demandato il compito gestionale non certamente facile. , 2022-07-15 17:09:00, Inviata da Mario Bocola – Aspettando i “sappiamo” e i “vorremmo” le questioni sulla scuola sembrano non cambiare. Anzi si cerca di andare avanti con la “mossa del gattopardo”.
L’articolo La scuola dei “sappiamo” e dei “vorremmo”. Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola Notizie., Photo Credit: , redazione


Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

Docente caregiver abbandona la supplenza per accudire familiare: è giusto perdere incarichi e punteggio per due anni scolastici?

x Siamo nel corso dell’anno scolastico, in alcune scuole la vita scolastica è scandita in trimestre e quadrimestre quindi è già stata conclusa la prima parte, in altre ci si avvicina alla fine del primo quadrimestre.

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

Sanatoria per candidati bocciati: ricorrete e sarete salvati…

x Tuttoscuola, come altre testate, ha riportato una lettera di un vincitore dell’ultimo concorso a dirigente scolastico in cui evidenziava l’illogicità e l’ingiustizia di due emendamenti al decreto-legge “Milleproroghe” che intendono recuperare, attraverso un corso intensivo, i candidati bocciati a quel concorso.

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

La grande fuga degli insegnanti dalla scuola

x Non è un fenomeno solo italiano. Negli USA, che pure hanno un sistema scolastico molto più decentrato e flessibile del nostro, prosegue la fuga degli insegnanti dalle scuole, e molti Stati fanno fatica a rimediare ai vuoti di personale registrati nel periodo della pandemia: almeno 300.

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

Differenziare gli stipendi/1. Per merito o per professionalità

x Un primo dilemma riguarda il criterio in base al quale gli stipendi dovrebbero essere differenziati: il merito (la qualità del lavoro svolto dal singolo docente, a parità di tutte le altre condizioni) o la professionalità (le competenze acquisite e certificate)? Dilemma storico.

torna all'inizio del contenuto
//whulsaux.com/4/4339693 https://jouteetu.net/pfe/current/tag.min.js?z=4339695