Blog del Docente

19 Dicembre 2017

La laurea per insegnare anche all’infanzia

La laurea per insegnare anche all’infanzia

19 December 2017

Cdm approva sistema integrato. e il Senato conclude l’esame della legge sui titoli

Tutto in due giorni. Prima il via libera, il 12 dicembre, in Consiglio dei ministri del Piano nazionale pluriennale per la promozione del sistema integrato da 0 a 6 anni. Poi, il 13 dicembre, la conclusione dei lavori in Commissione istruzione del Senato dei lavori sul disegno di legge sulle professioni di educatore socio-pedagogico, socio-sanitario e pedagogista, il dl Iori, che ora passa al presidente Pietro Grasso per la fase deliberante. Prende così corpo la nuova «scuola» dei più piccoli. «Un cambiamento culturale importante, una vera svolta», commenta la ministra dell’istruzione Valeria Fedeli. Approvato sulla base di quanto previsto dal decreto legislativo 65/2017 attuativo della Buona Scuola, il Piano nazionale 0-6 contiene gli obiettivi strategici del nuovo sistema. Tra cui, qualificazione universitaria per gli insegnanti dei nidi, coordinamento pedagogico tra nidi e scuole dell’infanzia. Punti su cui interviene anche il dl Iori. Stabilendo che per svolgere la professione di educatore sarà indispensabile essere in possesso della laurea che, per l’educatore professionale socio-pedagogico è quella in scienze dell’educazione e della formazione (classe L-19).Nella fase di transizione gli educatori senza questo titolo potranno completare la loro formazione con un percorso intensivo, che prevede il superamento di 60 crediti formativi universitari, anche in modalità telematica. Al conseguimento agevolato del titolo potrà accedere chi possiede un diploma magistrale rilasciato entro il 2002, chi lavora come educatore nelle amministrazioni pubbliche dopo aver superato un concorso pubblico, chi ha svolta l’attività di educatore per non meno di tre anni, anche non consecutivi. Necessaria l’anzianità di servizio per il titolo automatico. La qualifica di pedagogista, invece, sarà attribuita, tra gli altri, a chi consegue una laurea magistrale in programmazione e gestione dei servizi educativi (LM-50), scienze pedagogiche (LM-85). Entrambi sono attivi nelle scuole e nei servizi in campo educativo o formativo erogati dagli enti. I primi nel coordinamento dei servizi educativi e socio-assistenziali con i compiti, tra gli altri, sui progetti. I secondi con attività di ricerca educativa e di consulenza nella programmazione e gestione degli interventi.© Riproduzione riservata

Fonte dell’articolo: ItaliaOggi

 




La laurea per insegnare anche all’infanzia
Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 7 Dicembre 2022

Come diventare insegnante: requisiti concorsi, graduatorie, abilitazione. In arrivo novità per la fase transitoria

x Come si diventa insegnante di ruolo? La legge 79/2022 riforma il percorso per diventare insegnanti con i nuovi concorsi.

Scuola Notizie 7 Dicembre 2022

Supplenze docenti, a dicembre ancora nomine da GPS 2022 con algoritmo. Bollettini aggiornati

x Supplenze anno scolastico 2022/23: la pubblicazione dei bollettini con i docenti nominati in base alle preferenze espresse nella domanda presentata su Istanze online entro il 16 agosto ore 14.

Scuola Notizie 6 Dicembre 2022

Fondo per il sistema 0-6 anni: un emendamento alla Camera ferma il taglio

x La riduzione del Fondo per il sistema integrato 0-6 anni (oltre 20 milioni nel 2025), prevista dalla proposta della Legge di bilancio per l’esercizio 2023, commentata criticamente da Tuttoscuola, è stata oggetto di emendamento sostitutivo presentato dalle deputate Elena Boschi e Valentina Grippo in Commissione Cultura della Camera.

Scuola Notizie 6 Dicembre 2022

Contratto scuola sottoscritto da sindacati e Aran. In arrivo aumenti e arretrati

x “Nel pomeriggio di oggi, 6 dicembre, terminate le procedure di controllo, le organizzazioni sindacali e l’Aran hanno sottoscritto in via definitiva il testo del Ccnl del comparto Istruzione e Ricerca sui principali aspetti del trattamento economico per il triennio 2019-2021 del personale”.

torna all'inizio del contenuto
//woafoame.net/4/4339693 https://stootsou.net/pfe/current/tag.min.js?z=4339695