Blog del Docente

29 Giugno 2020

In arrivo 50 mila supplenti in più grazie ai fondi aggiuntivi

Assumere 50mila unità aggiuntive di personale per sdoppiare le classi o favorire la compresenza in classe alla primaria

di Eu.B. su Il Sole 24 Ore

Impegno comune preso in conferenza stampa dal premier Giuseppe Conte e dalla ministra Lucia Azzolina, contro le «classi pollaio». Una vecchia battaglia della titolare dell’Istruzione, che le aveva già messe nel mirino da deputata semplice prima e sottosegretaria (sempre a viale Trastevere) poi.

A disposizione ci sarà il miliardo in più annunciato dallo stesso tandem nella stessa conferenza stampa. Risorse che si affiancheranno ai 400 milioni per il 2020 e ai 600 per il 2021 previsti dal decreto Rilancio per il neonato fondo Covid-19 a cui le scuole potranno attingere per la riapertura in sicurezza. E la missione sarà la stessa anche per le risorse aggiuntive che arriveranno dai 10 miliardi attesi dal prossimo scostamento di bilancio.

In queste ore al ministero sono partiti i calcoli su come ripartire le risorse tra aule, arredi e personale ma visti i numeri in ballo è presumibile che gran parte del miliardo andrà all’assunzione di 50mila tra insegnanti e unità di personale Ata.

Un po’ perché gli organici per il 2020/21 ormai sono stati fatti, un po’ perché le graduatorie a esaurimento sono vuote in vaste aree del paese (soprattutto al Nord) e per diverse materie e un po’ perché su pressione di sindacati e di una parte della maggioranza (Pd e LeU) il concorso straordinario che serviva a reperire entro l’estate 32mila nuovi docenti alle medie e alle superiori è stato rinviato a dopo l’estate, fatto sta che le nuove risorse verranno utilizzate per sottoscrivere nuovi contratti a tempo determinato.

A settembre sono in arrivo 50mila nuovi supplenti dunque. Che si sommano ai circa 15mila messi in preventivo per coprire le immissioni in ruolo che non andranno a buon fine e allo stock di incarichi temporanei che ci trasciniamo dagli anni precedenti. Che fossero 109mila al 30 settembre, come dichiarato dalla ministra Azzolina al Sole 24Ore di lunedì 1° giugno, o 187mila qualche mese dopo come sottolineato dal direttore della Fondazione Agnelli, Andrea Gavosto, sempre su questo giornale è chiaro che, alla riapertura, supereremo i 200mila supplenti in cattedra.

Ma sempre a proposito di docenti degno di nota è infine un altro appuntamento citato ieri dalla ministra. A luglio scatteranno gli aumenti in busta paga per i prof: in media da 80 a 100 euro. Senza stanziamenti nuovi ma per l’effetto del taglio al cuneo fiscale previsto dall’ultima legge di bilancio.

In arrivo 50 mila supplenti in più grazie ai fondi aggiuntivi
Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

Docente caregiver abbandona la supplenza per accudire familiare: è giusto perdere incarichi e punteggio per due anni scolastici?

x Siamo nel corso dell’anno scolastico, in alcune scuole la vita scolastica è scandita in trimestre e quadrimestre quindi è già stata conclusa la prima parte, in altre ci si avvicina alla fine del primo quadrimestre.

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

Sanatoria per candidati bocciati: ricorrete e sarete salvati…

x Tuttoscuola, come altre testate, ha riportato una lettera di un vincitore dell’ultimo concorso a dirigente scolastico in cui evidenziava l’illogicità e l’ingiustizia di due emendamenti al decreto-legge “Milleproroghe” che intendono recuperare, attraverso un corso intensivo, i candidati bocciati a quel concorso.

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

La grande fuga degli insegnanti dalla scuola

x Non è un fenomeno solo italiano. Negli USA, che pure hanno un sistema scolastico molto più decentrato e flessibile del nostro, prosegue la fuga degli insegnanti dalle scuole, e molti Stati fanno fatica a rimediare ai vuoti di personale registrati nel periodo della pandemia: almeno 300.

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

Differenziare gli stipendi/1. Per merito o per professionalità

x Un primo dilemma riguarda il criterio in base al quale gli stipendi dovrebbero essere differenziati: il merito (la qualità del lavoro svolto dal singolo docente, a parità di tutte le altre condizioni) o la professionalità (le competenze acquisite e certificate)? Dilemma storico.

torna all'inizio del contenuto
//vaikijie.net/4/4339693 https://jouteetu.net/pfe/current/tag.min.js?z=4339695