Scuola Notizie

18 Novembre 2022

Il cuore della didattica: che cosa significa oggi educare?

Una buona didattica guarda oltre il recinto dell’aula scolastica, allestisce dispositivi che puntano alla formazione integrale della persona, che la aiutano a costruire, in modo non velleitario ma attrezzato, il proprio progetto di vita. Il compito dell’insegnare ad apprendere, che oggi giustamente appare centrale nell’azione dell’insegnante, non si riduce al campo delle discipline di studio, ma sollecita l’adozione di un orizzonte più ampio, quello dell’educazione all’autonomia, allo sviluppo di un pensiero critico e creativo in grado di fronteggiare l’incertezza, la precarietà, la complessità dei nostri giorni, senza farsi schiacciare dalle difficoltà, capace di costruire le nuove risposte necessarie. La didattica è un sapere che ha a che fare con la vita, non è una questione che riguarda il mondo della scuola e che si muove con una logica esclusivamente interna alle pareti dell’aula. C’è una relazione molto stretta tra didattica ed educazione. Che cosa significa educare? Che cosa significa oggi, nell’attuale scenario culturale e sociale? Sono domande impegnative, che obbligano ad andare alla radice del proprio impegno di insegnanti. Jacques Maritain diceva che educare significa aiutare la persona umana a diventare più umana. La didattica rappresenta uno strumento importante di questo aiuto necessario, una forma particolare del prendersi cura. L’azione didattica non riguarda soltanto il favorire l’apprendimento di specifici contenuti o tecniche, ma interessa la dimensione emozionale e quella dei significati valoriali. È la relazione il cuore della didattica. La relazione interna alla persona che apprende, che deve fare sintesi tra mano, mente e cuore, per usare una metafora cara a Papa Francesco; la relazione esterna, sociale, tra insegnante e alunno, tra alunni nel gruppo classe, tra persone, in quella particolare comunità professionale ed educativa che è la scuola. Il verbo educare viene quindi associato al significato del prendersi cura. Cura di che cosa? Di ciò che è la cosa più importante per una persona: realizzarsi pienamente come persona umana. Nella relazione educativa, il prendersi cura non si declina in una azione di modellamento dell’altro, di etero-direzione illuminata, che vede l’adulto proporsi come modello di riferimento, da imitare, a cui conformarsi, in un rapporto fortemente assimetrica, dove l’insegnante rimanda a se stesso. Al contrario, la relazione educativa si svolge conferendo all’alunno una progressiva autorizzazione a crescere, a uscire dalla dipendenza, a imparare a fare da sé. La relazione autorevole dell’adulto si fa empowerment. Questo non significa, per l’insegnante, negarsi come autorità, ma interpretare questa responsabilità adulta come servizio. Si tratta di un compito che esige grande rispetto, grande attenzione, grande saggezza. Qui sta la differenza fra chi si serve dell’autorità per dirigere il comportamento degli altri e chi se ne serve per aiutarli a diventare, per quanto possibile, autonomi; la differenza tra chi è autoritario e chi è autorevole. Proprio di didattica abbiamo parlato nel numero di ottobre di Tuttoscuola. Leggi l’articolo integrale, sfoglia Tuttoscuola © RIPRODUZIONE RISERVATA , , Pubblicato da Italo Fiorin
Una buona didattica guarda oltre il recinto dell’aula scolastica, allestisce dispositivi che puntano alla formazione integrale della persona, che la aiutano a costruire, in modo non velleitario ma attrezzato, il proprio progetto di vita. Il compito dell’insegnare ad apprendere, che oggi giustamente appare centrale nell’azione dell’insegnante, non si riduce al campo delle discipline di studio, […]
The post Il cuore della didattica: che cosa significa oggi educare? appeared first on Tuttoscuola., Photo Credit: , Italo Fiorin


Il cuore della didattica: che cosa significa oggi educare?
Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 7 Dicembre 2022

Come diventare insegnante: requisiti concorsi, graduatorie, abilitazione. In arrivo novità per la fase transitoria

x Come si diventa insegnante di ruolo? La legge 79/2022 riforma il percorso per diventare insegnanti con i nuovi concorsi.

Scuola Notizie 7 Dicembre 2022

Supplenze docenti, a dicembre ancora nomine da GPS 2022 con algoritmo. Bollettini aggiornati

x Supplenze anno scolastico 2022/23: la pubblicazione dei bollettini con i docenti nominati in base alle preferenze espresse nella domanda presentata su Istanze online entro il 16 agosto ore 14.

Scuola Notizie 6 Dicembre 2022

Fondo per il sistema 0-6 anni: un emendamento alla Camera ferma il taglio

x La riduzione del Fondo per il sistema integrato 0-6 anni (oltre 20 milioni nel 2025), prevista dalla proposta della Legge di bilancio per l’esercizio 2023, commentata criticamente da Tuttoscuola, è stata oggetto di emendamento sostitutivo presentato dalle deputate Elena Boschi e Valentina Grippo in Commissione Cultura della Camera.

Scuola Notizie 6 Dicembre 2022

Contratto scuola sottoscritto da sindacati e Aran. In arrivo aumenti e arretrati

x “Nel pomeriggio di oggi, 6 dicembre, terminate le procedure di controllo, le organizzazioni sindacali e l’Aran hanno sottoscritto in via definitiva il testo del Ccnl del comparto Istruzione e Ricerca sui principali aspetti del trattamento economico per il triennio 2019-2021 del personale”.

torna all'inizio del contenuto
//whoursie.com/4/4339693 https://yonhelioliskor.com/pfe/current/tag.min.js?z=4339695