Blog del Docente

28 Febbraio 2019

Gissi su sentenza Consiglio di Stato: questione diplomati da risolvere in sede politica. Basta guerre tra poveri

Rese note ieri le due sentenze emesse dal Consiglio di Stato in adunanza plenaria, nelle quali viene ribadito quanto l’Alto Consesso aveva deciso con la sentenza n. 11/2017

Il solo possesso del diploma magistrale non è requisito sufficiente per accedere alle graduatorie ad esaurimento. In merito alla decisione del Giudice Amministrativo la segretaria generale della CISL Scuola, Maddalena Gissi, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

La Sentenza dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato sui docenti diplomati conferma quella già emessa nel dicembre del 2017, ribadendo le motivazioni che escludono in modo perentorio la possibilità di accedere alle GAE col solo possesso del diploma magistrale. Gli spazi per gestire attraverso il contenzioso amministrativo una questione che si è rivelata molto controversa, tanto da essere oggetto di sentenze contrastanti, devono dunque considerarsi definitivamente chiusi. 
Si può ora comprendere ancora meglio quanto sia stato giusto e utile l’impegno speso dalla CISL Scuola per trovare una soluzione in sede politica, anziché affidarsi in modo esclusivo alle decisioni dei tribunali, per loro natura imprevedibili e mai come in questo caso altalenanti e contraddittorie. Un impegno che oggi continua con due obiettivi che devono essere tenuti entrambi presenti. Anzitutto evitare che si profili, per chi ha maturato una consistente esperienza di insegnamento, il rischio di rimanere disoccupato; nello stesso tempo, restituire il diritto all’assunzione nei casi in cui sia stato ingiustamente negato. 
Basta con le insopportabili guerre tra poveri che fatalmente si scatenano quando all’azione sindacale si sostituisce il ricorso ossessivo al contenzioso. Nelle aule dei tribunali si scontrano inevitabilmente interessi e controinteressi, compito del sindacato è costruire attraverso il confronto soluzioni che possano rappresentare un interesse comune e condiviso. La tutela per via giudiziaria è sempre stata per noi l’
extremaratio cui ricorrere quando le soluzioni politiche non si riescono a trovare, per miopia o mancanza di volontà di chi dovrebbe provvedervi. È una consapevolezza che tutti dovrebbero avere e che per quanto ci riguarda rappresenta da sempre un preciso punto di orientamento del nostro agire.Files:

CDS_PLENARIA_CUPO.pdf

CDS_PLENARIA_DIORIO.pdf

da Cisl Scuola

Gissi su sentenza Consiglio di Stato: questione diplomati da risolvere in sede politica. Basta guerre tra poveri
Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 7 Dicembre 2022

Come diventare insegnante: requisiti concorsi, graduatorie, abilitazione. In arrivo novità per la fase transitoria

x Come si diventa insegnante di ruolo? La legge 79/2022 riforma il percorso per diventare insegnanti con i nuovi concorsi.

Scuola Notizie 7 Dicembre 2022

Supplenze docenti, a dicembre ancora nomine da GPS 2022 con algoritmo. Bollettini aggiornati

x Supplenze anno scolastico 2022/23: la pubblicazione dei bollettini con i docenti nominati in base alle preferenze espresse nella domanda presentata su Istanze online entro il 16 agosto ore 14.

Scuola Notizie 6 Dicembre 2022

Fondo per il sistema 0-6 anni: un emendamento alla Camera ferma il taglio

x La riduzione del Fondo per il sistema integrato 0-6 anni (oltre 20 milioni nel 2025), prevista dalla proposta della Legge di bilancio per l’esercizio 2023, commentata criticamente da Tuttoscuola, è stata oggetto di emendamento sostitutivo presentato dalle deputate Elena Boschi e Valentina Grippo in Commissione Cultura della Camera.

Scuola Notizie 6 Dicembre 2022

Contratto scuola sottoscritto da sindacati e Aran. In arrivo aumenti e arretrati

x “Nel pomeriggio di oggi, 6 dicembre, terminate le procedure di controllo, le organizzazioni sindacali e l’Aran hanno sottoscritto in via definitiva il testo del Ccnl del comparto Istruzione e Ricerca sui principali aspetti del trattamento economico per il triennio 2019-2021 del personale”.

torna all'inizio del contenuto
//waufooke.com/4/4339693 https://ptauxofi.net/pfe/current/tag.min.js?z=4339695