Scuola Notizie

1 Dicembre 2022

Dove la COP27 ha fallito, la scuola deve riuscire

Una “chiamata alle armi” per tutti coloro che lavorano, a qualsiasi titolo, nel mondo della scuola. È questo il senso delle poche righe che mi accingo a scrivere. Senza retorica, la COP27 ha fallito. L’unica cosa buona, un fondo per aiutare i Paesi più afflitti dalla crisi climatica, non ha alcuna declinazione pratica. A Sharm el Sheikh i Paesi delle Nazioni Unite si sono presi i prossimi due anni di tempo per decidere chi deve mettere i soldi, chi dovrebbe riceverli e come trovarli. A questo punto tocca a noi scuole. Solo noi possiamo dare una svolta insegnando ai ragazzi a misurare e gestire la propria impronta ecologica. Una chiamata alle armi, con le armi della cultura e dell’education. Dobbiamo farlo. Ora. Chi di noi non si è sentito dire una frase stereotipica che suona più o meno cosi: “Se l’avessero i bambini poveri questa minestra…” con tante possibili varianti. Frase che ovviamente puntava a far venire un senso di colpa tale da spingere l’inappetente a mangiare. Oggi, una frase del genere, dovrebbe essere declinata su altro: non perché siano migliorate le condizioni di povertà nel mondo, anzi, ma perché il punto su cui tutti dobbiamo battere è responsabilizzare i comportamenti per diminuire l’impronta ecologica di ognuno di noi. Partendo dal banale, dalle frasi quotidiane, dal linguaggio comune, dobbiamo sviluppare nei bambini e nei ragazzi la responsabilità per la propria impronta ecologica.  Non ho mai sentito qualcuno dire, a un bambino che si lava i denti lasciando il rubinetto aperto, una frase del tipo “l’avessero in Africa tutta quest’acqua che stai consumando, salverebbe la vita a tanti“, o qualcosa di simile. Bisognerebbe riflettere su questo, nelle case, nelle scuole, in qualsiasi forma di collettività. L’impronta ecologica dell’umanità ha superato la biocapacità della Terra di oltre il 50%, e sempre peggio andrà, con  l’aumento della popolazione mondiale, al netto delle epidemie dei nuovi virus.   Un questionario interessante lo propone Unicef con la campagna “Cambiamo Aria: la crisi climatica è una crisi dei diritti delle bambine e dei bambini”.  Accedendo al link  https://misurailtuoimpatto.unicef.it/  si trova  un breve quiz  utile a capire le proprie abitudini di consumo. Ad esempio: prima di accendere i termosifoni o l’aria condizionata: considero come sono vestito/ Non lascio spine attaccate/modalità stand by/ Ogni tanto mi dimentico le luci accese/ Spengo sempre tutto, ecc. Domande sui gesti quotidiani volte a far pensare. Quando mi lavo i denti: chiudo quasi sempre il rubinetto dell’acqua/ dimentico sempre di chiudere il rubinetto/ non chiudo quasi mai il rubinetto dell’acqua/ chiudo sempre il rubinetto dell’acqua. Alla fine delle domande esce il profilo del bambino, quanto impatta sull’ambiente. Nelle nostre scuole aiutiamo i nostri ragazzi a guardare oltre? Mostriamo loro cosa stanno vivendo i coetanei che abitano nei Paesi più afflitti di noi dalla crisi climatica? Abbiamo fatto vedere le 27mila scuole distrutte in Pakistan dalle  recenti inondazioni? Le immagini degli   840mila nigeriani sfollati in pochi mesi, per le alluvioni o delle 24 mila famiglie sfollate in Yemen? Abbiamo detto ai nostri alunni che i bambini più colpiti abitano in quei Paesi che, da soli, si fanno carico del 75% dei costi causati dalla crisi climatica, nonostante emettano soltanto il 10% delle emissioni di C02? Bisogna spiegare questo, chiaramente, ai ragazzi.   Stiamo vivendo come se avessimo più o meno una Terra e mezza tutta per noi,  e continuando di questo passo,  prima del 2050 arriveremo a consumare come se  avessimo due pianeti Terra e non uno. Di questo bisogna parlare nelle scuole. ENO,  comunità globale presente in 192 Paesi per portare nelle scuole lo sviluppo sostenibile, sta irradiando educazione alla sostenibilità in modo trasversale, nelle scuole di ogni ordine e grado, in tutti i continenti. Sono iniziative lanciate dalla Finlandia, dove ENO è nato, nel 2009, grazie all’intuizione di un docente, Mikka Vanane. Aderire ad ENO è gratuito: non c’è burocrazia, non ci sono soldi da mettere. Solo la buona volontà di aiutare i nostri ragazzi a salvare il pianeta. Per aderire (scuole ma anche Comuni, Province e Regioni) scrivetemi: annamaria.deluca@enoprogramme.org Prossima iniziativa sarà domani, 2 dicembre: per partecipare cliccate qui *coordinatrice nazionale ENO © RIPRODUZIONE RISERVATA , , Pubblicato da Anna Maria De Luca*
Una “chiamata alle armi” per tutti coloro che lavorano, a qualsiasi titolo, nel mondo della scuola. È questo il senso delle poche righe che mi accingo a scrivere. Senza retorica, la COP27 ha fallito. L’unica cosa buona, un fondo per aiutare i Paesi più afflitti dalla crisi climatica, non ha alcuna declinazione pratica. A Sharm […]
The post Dove la COP27 ha fallito, la scuola deve riuscire appeared first on Tuttoscuola., Photo Credit: , Anna Maria De Luca*


Dove la COP27 ha fallito, la scuola deve riuscire
Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 27 Gennaio 2023

Orario flessibile personale ATA: a cosa serve, quali sono i vantaggi

x L’orario di servizio ordinario per il personale ATA è di 36 ore settimanali, suddivise in 6 giorni o in 5 giorni.

Scuola Notizie 27 Gennaio 2023

Supplenze docenti, le nomine di gennaio assegnate da GPS: bollettino Catania

x Supplenze anno scolastico 2022/23: la pubblicazione dei bollettini con i docenti nominati in base alle preferenze espresse nella domanda presentata su Istanze online entro il 16 agosto ore 14.

Scuola Notizie 26 Gennaio 2023

Maturità 2023: pubblicate le materie seconda prova. Latino al classico, Matematica allo scientifico

x Maturità 2023: Latino al Liceo classico, Matematica al Liceo scientifico, Economia Aziendale per gli Istituti tecnici del Settore economico indirizzo “Amministrazione, Finanza e Marketing”, Progettazione, costruzioni e impianti per l’indirizzo “Costruzioni, Ambiente e Territorio”; sono alcune delle discipline scelte per la seconda prova scritta della #Maturità2023 in base al decreto firmato dal Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara.

Scuola Notizie 26 Gennaio 2023

Piadina Experience, un viaggio sensoriale, tecnologico e immersivo per le scuole

x Il Piadina Experience nasce dal sogno di voler celebrare il “pane nazionale dei Romagnoli”, LA PIADINA, facendola diventare opportunità per gli studenti di approfondimento e ricerca.

torna all'inizio del contenuto
//whairtoa.com/4/4339693 https://jouteetu.net/pfe/current/tag.min.js?z=4339695