da-ilsole24ore.com:-cassazione:-la-procedura-di-mobilita-dei-prof-e-legittima-e-conforme-alla-costituzione-di-pietro-alessio-palumbo

Da Ilsole24ore.com: Cassazione: la procedura di mobilità dei prof è legittima e conforme alla Costituzione di Pietro Alessio Palumbo

La sentenza

I magistrati della Suprema Corte fanno chiarezza si criteri utilizzati per l’assegnazione delle cattedre

di Pietro Alessio Palumbo

1′ di lettura

Secondo la Corte di Cassazione (sentenza 34018/2023) l’opzione operata in sede collettiva di attribuire rilievo ai fini dell’assegnazione delle cattedre a un criterio distinto da quello “meritocratico” basato sul punteggio conseguito, non contravviene ai principi costituzionali che, nel subordinare l’accesso all’impiego pubblico alla procedura del concorso pubblico, pongono a fondamento quel criterio selettivo; non essendo la procedura in questione finalizzata al reclutamento del personale, per essere attinente all’attribuzione di una sede provvisoria in vista della successiva procedura di mobilità. Ben potendo dunque quella disciplina, non inficiata dal contrasto con norme imperative, essere considerata legittima e presiedere all’espletamento della procedura secondo le stabilite modalità.

Il principio

La Suprema Corte ha quindi enunciato il principio per cui relativamente alla procedura di mobilità del personale docente provenienti dalle Gae, legittimamente le parti collettive, non vincolate, trattandosi di procedure non attinenti al reclutamento del personale docente, al rispetto del criterio meritocratico sotteso al principio costituzionale della selezione dei pubblici impiegati per concorso pubblico, hanno assegnato priorità, ai fini dell’assegnazione delle cattedre, al criterio della preferenza espressa dai candidati, dettando una disciplina da interpretarsi certamente come conforme ai principi costituzionali.

L’assegnazione

Da ciò deriva che l’assegnazione consegue alla formazione di plurime e distinte graduatorie secondo l’ordine di preferenza espresso dai candidati con riferimento a ciascun ambito territoriale; al loro interno poi strutturate sulla base del punteggio conseguito da ciascun candidato e non alla formazione di una graduatoria unitaria riferita a ogni ambito territoriale tra quelli indicati dai candidati ed articolata sulla base del punteggio conseguito dai concorrenti. Candidati che comunque, a prescindere dall’ordine di preferenza espresso, hanno indicato uno specifico ambito.

Riproduzione riservata ©

Loading…

Fonte originale dell’articolo:
Leggi di più qui:
Cassazione: la procedura di mobilità dei prof è legittima e conforme alla Costituzione
La pagina Feed Rss che ha generato l’articolo:
https://www.ilsole24ore.com/rss/scuola–scuola.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *