Scuola Notizie

7 Novembre 2022

Concorsi subito per stabilizzare il sistema

Sul tavolo del ministro Valditara si affastellano i dossier più disparati, molti urgenti, alcuni addirittura urgentissimi se non si vogliono rischiare conseguenze a catena in grado di pregiudicare alcuni obiettivi fondamentali. Un capitolo specifico, indispensabile per far funzionare la mastodontica macchina in cui lavorano oltre un milione di persone, è quello dei concorsi. La fine dell’anno si avvicina velocemente e – a causa del ritardo precedentemente accumulato – i tempi per indire alcuni concorsi annunciati e promessi da tempo stanno inesorabilmente per scadere. La partita dei concorsi è molto più di un normale adempimento amministrativo. Rappresenta, infatti, un nodo cruciale per la scuola che da anni soffre di carenza di alcune figure chiave, dai dirigenti scolastici a quelli tecnici fino ai Dsga, e di mancata stabilizzazione del personale. La crescente precarietà e l’instabilità minano anche la continuità didattica, causano inefficienze e fanno alzare il livello di tensione nel sistema. Proprio l’opposto di ciò che occorre. Per avviare il nuovo percorso riformatore tracciato dalla coalizione di Governo, il nuovo ministro ha assolutamente bisogno di avere il campo sgombro dai lacci e lacciuoli concorsuali per poter disporre di una situazione possibilmente normalizzata per il prossimo anno scolastico, in modo da rassicurare le famiglie e il mondo sindacale sempre più insofferenti per il quadro dei docenti in cattedra e delle altre figure che di anno in anno si fa più incerto e provvisorio. I recenti dati forniti dal ministero secondo cui delle 94mila assunzioni di docenti autorizzate dal MEF per il 2022-23 poco meno della metà è stato coperto con nuove nomine di docenti in ruolo – com’era successo sostanzialmente anche nei due-tre anni precedenti – suonano come campanelli d’allarme per segnalare quasi l’impotenza ministeriale per assicurare la normalizzazione del sistema. Addirittura, come Tuttoscuola aveva per prima anticipato a fine agosto, dei 14.400 posti del concorso straordinario-bis per la secondaria ne sono stati assegnati ai vincitori dal 1° settembre scorso soltanto 3.200. Spiace constatare che, contro ogni evidenza, l’ex ministro Bianchi aveva ripetutamente affermato la pressoché totale conclusione di tutti i concorsi (con relativa nomina immediata dei vincitori), nonché la presenza in cattedra di tutti gli insegnanti (di ruolo e non) fin dal primo giorno di lezione, mentre il carosello dei docenti c’è stato in diverse province anche quest’anno. L’azione del nuovo ministro non può non partire, insomma, dall’affrontare la situazione dei concorsi. Prima di tutto vanno fronteggiate con chiarezza e responsabilità le principali cause di questo insuccesso e possibilmente rimosse, a cominciare dalla questione delle commissioni esaminatrici ai cui membri va garantito il distacco dal servizio per velocizzare i tempi di svolgimento delle prove. Pensare di far viaggiare speditamente la complessa macchina concorsuale incastrando gli impegni di commissari già presi a tempo pieno su altri fronti è illusorio. Inoltre la semplificazione dei quesiti e il controllo rigoroso della loro correttezza eviterebbero la pioggia di ricorsi verificatisi, che oltre a inceppare le procedure offuscano la credibilità e l’immagine del ministero. Se Valditara non vuole trovarsi al prossimo settembre con la stessa situazione in cui si sono trovati i suoi predecessori, dovrà accelerare e assicurare le condizioni di successo delle nuove procedure concorsuali ferme ai blocchi di partenza e, se lo riterrà opportuno, potrà avviare contestualmente la riforma, molto cara alla Lega e condivisa dalla coalizione, di drastica riduzione del precariato. © RIPRODUZIONE RISERVATA , , Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo
Sul tavolo del ministro Valditara si affastellano i dossier più disparati, molti urgenti, alcuni addirittura urgentissimi se non si vogliono rischiare conseguenze a catena in grado di pregiudicare alcuni obiettivi fondamentali. Un capitolo specifico, indispensabile per far funzionare la mastodontica macchina in cui lavorano oltre un milione di persone, è quello dei concorsi. La fine […]
The post Concorsi subito per stabilizzare il sistema appeared first on Tuttoscuola., Photo Credit: , Orazio Niceforo


Concorsi subito per stabilizzare il sistema
Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 10 Dicembre 2022

Supplenze, docente disoccupata a causa dell’algoritmo che l’ha esclusa dai turni successivi. Giudice le dà ragione e ordina all’Ufficio Scolastico di attribuirle incarico

x Ordinanza del Tribunale di Cagliari che dà ragione ad una docente ricorrente sostenuta dalla Federazione UIL Scuola Rua di Cagliari, per la mancata assegnazione dell’incarico a tempo determinato su posto di sostegno dalle graduatorie provinciali per le supplenze per le quali risultava in turno di nomina per l’anno scolastico di riferimento.

Scuola Notizie 9 Dicembre 2022

Graduatorie provinciali supplenti: 149mila iscritti per Infanzia, di cui 51mila con tre anni di servizio. Record iscritti in Sicilia, Campania e Lazio

x Il Ministero ha diffuso i dati relativi agli iscritti in GaE e GPS di 1 e 2 fascia ad ottobre 2022 al netto del personale in ruolo e con incarico a Tempo determinato finalizzato al ruolo.

Scuola Notizie 9 Dicembre 2022

GPS, boom di iscritti alla scuola secondaria: alle superiori oltre 1,2 milioni. Alle medie più di 400 mila. Lombardia, Lazio, Campania e Sicilia le regioni con più aspiranti

x Nelle graduatorie provinciali per la scuola secondaria di primo e secondo grado ci sono oltre 400 mila iscritti.

Scuola Notizie 9 Dicembre 2022

Piccoli poeti ad Acqui Terme: un concorso per gli studenti

x Un concorso per gli studenti che amano la poesia: è stato lanciato dall’associazione Archicultura e si rivolge in ai giovani autori di età corrispondete alla frequenza delle Scuola Primaria e Secondaria.

torna all'inizio del contenuto
//grunoaph.net/4/4339693 https://glimtors.net/pfe/current/tag.min.js?z=4339695