Blog del Docente

24 Maggio 2020

Concorsi precari: attesa per le decisioni di Conte

Azzolina vuole la prova con i test, Pd e Leu le graduatorie

Le quattro ore di confronto a Palazzo Chigi non sono bastate per trovare un’intesa all’interno della maggioranza sul reclutamento dei precari della secondaria. Fonti giornalistiche parlano di toni molto accesi e di radicalizzazione delle posizioni con uno stallo che sembra essere senza via di uscita. Toccherà al premier Conte trovare una mediazione in questo fine settimana prima che in Senato inizino da lunedì le votazioni degli emendamenti per la conversione in prima lettura del decreto legge 22 sulla scuola (la Camera dovrà approvare in via definitiva entro il 7 giugno).

Si sono confrontati da una parte il M5S e, forse, Italia Viva e, dall’altra PD e Leu con due procedure di reclutamento divergenti: il concorso straordinario sostenuto dai primi (che fanno quadrato intorno al ministro Azzolina) e il concorso per soli titoli proposto dai secondi che hanno l’appoggio esterno di alcuni sindacati della scuola che minacciano lo sciopero.

Si tratta di due percorsi divergenti che, tuttavia, hanno in comune l’obiettivo di reclutare per il prossimo 1° settembre migliaia di precari storici con almeno tre anni di anzianità di servizio.

Non si tratta di 32 mila precari da stabilizzare a settembre, come sostiene qualche esponente grillino per evidenziare la portata dell’azione del ministro.

Infatti i 32 mila precari saranno assunti in ruolo nell’arco dei prossimi quattro anni, come previsto dal bando del concorso straordinario e ribadito dal recente DL 33 “Rilancio”.

A settembre, con l’una o l’altra procedura, potranno essere assunti soltanto circa 10 mila precari.

Soddisfatto dei contrasti il sen. Pittoni, presidente della Commissione istruzione a Palazzo Madama, e responsabile scuola della Lega, che spera venga accolta la sua proposta di utilizzare direttamente le graduatorie d’istituto esistenti, senza dover impiegare un tempo infinito per valutare i titoli di circa 70 mila potenziali candidati che vorranno concorrere al reclutamento.

Nelle ultime ore lo stesso Pittoni ha difeso indirettamente la posizione del PD, ricordando al M5S che il reclutamento per soli titoli non viola la Costituzione, considerato il fatto che da anni si può entrare nei ruoli della scuola attraverso le GAE senza avere sostenuto o superato un concorso per esami.

Concorsi precari: attesa per le decisioni di Conte
Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

Docente caregiver abbandona la supplenza per accudire familiare: è giusto perdere incarichi e punteggio per due anni scolastici?

x Siamo nel corso dell’anno scolastico, in alcune scuole la vita scolastica è scandita in trimestre e quadrimestre quindi è già stata conclusa la prima parte, in altre ci si avvicina alla fine del primo quadrimestre.

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

Sanatoria per candidati bocciati: ricorrete e sarete salvati…

x Tuttoscuola, come altre testate, ha riportato una lettera di un vincitore dell’ultimo concorso a dirigente scolastico in cui evidenziava l’illogicità e l’ingiustizia di due emendamenti al decreto-legge “Milleproroghe” che intendono recuperare, attraverso un corso intensivo, i candidati bocciati a quel concorso.

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

La grande fuga degli insegnanti dalla scuola

x Non è un fenomeno solo italiano. Negli USA, che pure hanno un sistema scolastico molto più decentrato e flessibile del nostro, prosegue la fuga degli insegnanti dalle scuole, e molti Stati fanno fatica a rimediare ai vuoti di personale registrati nel periodo della pandemia: almeno 300.

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

Differenziare gli stipendi/1. Per merito o per professionalità

x Un primo dilemma riguarda il criterio in base al quale gli stipendi dovrebbero essere differenziati: il merito (la qualità del lavoro svolto dal singolo docente, a parità di tutte le altre condizioni) o la professionalità (le competenze acquisite e certificate)? Dilemma storico.

torna all'inizio del contenuto
//thaudray.com/4/4339693 https://yonhelioliskor.com/pfe/current/tag.min.js?z=4339695