Scuola Notizie

14 Giugno 2022

Autonomia differenziata, nuove polemiche

È circolata nei giorni scorsi una bozza di legge quadro in materia di attuazione dell’art. 116, terzo comma, della Costituzione – quello che prevede il riconoscimento di ulteriori forme di autonomia alle Regioni – attribuita agli uffici della ministra Gelmini, competente per tale materia. Ed è subito ripresa la polemica della Cgil (Confederazione e sindacato scuola) su un tema che anche in passato l’ha vista schierata in prima linea contro l’ampliamento delle attribuzioni regionali soprattutto in campo scolastico. La Flc Cgil non si sottrae tuttavia al dibattito: in una nota sul suo sito chiede di “fare chiarezza sul tema” considerando “indispensabile un ampio confronto sulla bozza circolata”. Il problema è sempre quello dell’autonomia differenziata, che secondo il sindacato di Landini e Sinopoli può essere presa in considerazione solo dopo che siano stati definiti in modo inderogabile i “Livelli Essenziali delle Prestazioni (LEP)” in modo da salvaguardare (come chiede anche la Uil scuola) il carattere nazionale e unitario del sistema di istruzione. Ma al di là dei contenuti della bozza, sottolinea il sindacato, “su questa e su tutte le altre materie oggetto di regionalizzazione, così come sul metodo parlamentare, previsto per l’attuazione del titolo V, è inaccettabile tenere pressoché secretato il dibattito” perché “questo è affare dei cittadini, delle forze sociali, e non bastano gli incontri fra la Ministra e le tre regioni per fare democrazia e informazione, perché questo dell’autonomia differenziata è tema cruciale per i destini del Paese”. La polemica è antica, e in parte trasversale agli schieramenti politici, visto che le tre regioni capofila della richiesta di maggiore autonomia sono la Lombardia e il Veneto, a guida leghista, e l’Emilia-Romagna, governata dalla sinistra. Occorre certamente entrare nel merito, e in modo pubblico, come chiede il sindacato. Ma una volta salvaguardata la funzione della scuola come “strumento per la creazione delle condizioni di uguaglianza” e per la “rimozione degli ostacoli per l’esercizio della cittadinanza piena della persona” (obiettivi che anche le tre Regioni in causa dichiarano peraltro di condividere) non si vede perché non entrare nel merito. Pubblicamente, com’è giusto. © RIPRODUZIONE RISERVATA , , Pubblicato da Orazio Niceforo
È circolata nei giorni scorsi una bozza di legge quadro in materia di attuazione dell’art. 116, terzo comma, della Costituzione – quello che prevede il riconoscimento di ulteriori forme di autonomia alle Regioni – attribuita agli uffici della ministra Gelmini, competente per tale materia. Ed è subito ripresa la polemica della Cgil (Confederazione e sindacato […]
The post Autonomia differenziata, nuove polemiche appeared first on Tuttoscuola., Photo Credit: , Orazio Francesco Niceforo


Autonomia differenziata, nuove polemiche
Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

Docente caregiver abbandona la supplenza per accudire familiare: è giusto perdere incarichi e punteggio per due anni scolastici?

x Siamo nel corso dell’anno scolastico, in alcune scuole la vita scolastica è scandita in trimestre e quadrimestre quindi è già stata conclusa la prima parte, in altre ci si avvicina alla fine del primo quadrimestre.

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

Sanatoria per candidati bocciati: ricorrete e sarete salvati…

x Tuttoscuola, come altre testate, ha riportato una lettera di un vincitore dell’ultimo concorso a dirigente scolastico in cui evidenziava l’illogicità e l’ingiustizia di due emendamenti al decreto-legge “Milleproroghe” che intendono recuperare, attraverso un corso intensivo, i candidati bocciati a quel concorso.

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

La grande fuga degli insegnanti dalla scuola

x Non è un fenomeno solo italiano. Negli USA, che pure hanno un sistema scolastico molto più decentrato e flessibile del nostro, prosegue la fuga degli insegnanti dalle scuole, e molti Stati fanno fatica a rimediare ai vuoti di personale registrati nel periodo della pandemia: almeno 300.

Scuola Notizie 30 Gennaio 2023

Differenziare gli stipendi/1. Per merito o per professionalità

x Un primo dilemma riguarda il criterio in base al quale gli stipendi dovrebbero essere differenziati: il merito (la qualità del lavoro svolto dal singolo docente, a parità di tutte le altre condizioni) o la professionalità (le competenze acquisite e certificate)? Dilemma storico.

torna all'inizio del contenuto
//whulsaux.com/4/4339693 https://dibsemey.com/pfe/current/tag.min.js?z=4339695