Scuola Notizie

16 Novembre 2022

Autonomia differenziata, anche l’istruzione potrà essere demandata alle Regioni. BOZZA Ddl Calderoli [PDF]

Un nuovo scontro è in arrivo sulla scuola. Si tratta dell’autonomia differenziata. Anche l’Istruzione potrà oggetto di attribuzione da parte delle Regioni.  Giovedì il ministro per gli Affari regionali, Roberto Calderoli, incontrerà i presidenti delle Regioni sulla vicenda. La bozza di disegno di legge è ormai definita. Per alcune materie, tra cui l’Istruzione (non quella professionale), servirà la definizione dei Livelli essenziali delle prestazioni. Allo stato attuale ogni regione potrà chiedere che nella propria intesa le venga riconosciuta una più forte autonomia in materia (salvo le prerogative che sono in capo alle singole scuole). BOZZA [PDF] Quattro settori coinvolti Sono quattro le materie coinvolte: la scuola, la sanità, l’ambiente e le politiche del lavoro, materie sulle quali verrà aperta la trattativa. Alle Regioni virtuose sarà consentito di ottenere un aumento delle somme destinate alle prestazione. Si ipotizza di prevedere un monitoraggio ogni tre anni. Non verrà erogato un solo euro in più: tanto lo Stato spende, tanto lo Stato darà. La bozza del disegno di legge “Disposizioni per l’attuazione dell’autonomia differenziata di cui all’articolo 116, terzo comma, della Costituzione” risulta completa, in questa nuova formulazione, con alcune modifiche rispetto alla bozza elaborata dal ministro Maria Stella Gelmini nell’aprile 2022. All’articolo 3 si parla anche di scuola. I livelli essenziali di prestazione sono applicati, infatti, anche in questo settore. Ad esempio, entro il 2027, ogni Comune dovrà mettere a disposizione il 33% dei posti negli asili nido per i bambini di fascia 0-3 anni e fissare i numeri di alunni e docenti per ogni scuola e classe. Si legge: “Nelle materie di cui all’articolo 117, norme generali sull’istruzione, tutela dell’ambiente, dell’ecosistema e dei beni culturali, della Costituzione e nelle materie della tutela e sicurezza sul lavoro, dell’istruzione, salva l’autonomia delle istituzioni scolastiche e con esclusione della istruzione e della formazione professionale, e della tutela della salute, (…) il trasferimento delle competenze legislative o delle funzioni amministrative e delle risorse corrispondenti ha luogo a seguito della definizione dei relativi livelli essenziali delle prestazioni che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale” Con la proposta di regionalizzazione, dunque, si rischia un vero e proprio processo separatista per la scuola: programmi diversi a livello regionale, sistemi di reclutamento territoriale e meccanismo di finanziamento differenziati. Migliaia di docenti transiterebbero, secondo quanto segnala il quotidiano, nei ruoli della Regione con effetti sulla contrattazione nazionale e possibili differenziazioni salariali territoriali. La proposta di legge, si specifica, non significa che una Regione potrà modificare il programma didattico o svolgere attività di insegnamento, che rimane riservata allo Stato. Ciò su cui l’autonomia potrà incidere è l’organizzazione. L’obiettivo a cui mirano le Regioni è iniziare un anno scolastico con i docenti assegnati alle classi fin dal primo giorno. Non è in discussione l’autonomia delle scuole nel fissare i programmi, né i concorsi per le assunzioni. I livelli essenziali di prestazione saranno fissati entro 12 mesi dalla data di entrata in vigore della legge. Prima del trasferimento di competenze lo Stato dovrà approvare i livelli essenziali delle prestazioni, entro un anno secondo la bozza. Decorso questo termine, “si provvede con atto avente forza di legge”.  Con l’anno scolastico 2024/25, la scuola potrà essere assegnata alle Regioni che lo chiederanno. Solo Lombardia e Veneto dovrebbero chiederlo: 5 miliardi in Lombardia, oltre 2,5 miliardi in Veneto. Tagli, in vista, invece per le altre regioni, Sicilia e Sardegna comprese. Sindacati pronti alla mobilitazione I sindacati non ci stanno e sono pronti alla mobilitazione. Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals e Gilda si dicono contrari al disegno di autonomia differenziata: “Tale progetto, invece di consolidare il carattere unitario e nazionale, ad esempio del sistema pubblico di istruzione, rafforzando la capacità di risposta dello Stato di cui si è avvertita l’estrema necessità durante la recente pandemia, ripropone un’ulteriore frammentazione degli interventi indebolendo l’unità del Paese, col rischio di aumentare le disuguaglianze senza garantire la tutela dei diritti per tutti i cittadini e ampliando i divari territoriali”. Elenco delle materie che possono essere oggetto di attribuzione a Regioni a statuto ordinario Art. 117, secondo comma, Cost. lettera l), limitatamente all’organizzazione della giustizia di pace; lettera n), norme generali sull’istruzione; lettera s), tutela dell’ambiente, dell’ecosistema e dei beni culturali. Art. 117, terzo comma, Cost. rapporti internazionali e con l’Unione europea delle Regioni; commercio con l’estero; tutela e sicurezza del lavoro; istruzione, salva l’autonomia delle istituzioni scolastiche e con esclusione della istruzione e della formazione professionale; professioni; ricerca scientifica e tecnologica e sostegno all’innovazione per i settori produttivi; tutela della salute; alimentazione; ordinamento sportivo; protezione civile; governo del territorio; porti e aeroporti civili; grandi reti di trasporto e di navigazione; ordinamento della comunicazione; produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell’energia; previdenza complementare e integrativa; coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario; valorizzazione dei beni culturali e ambientali e promozione e organizzazione di attività culturali; casse di risparmio, casse rurali, aziende di credito a carattere regionale; enti di credito fondiario e agrario a carattere regionale. , 2022-11-16 19:23:00, Un nuovo scontro è in arrivo sulla scuola. Si tratta dell’autonomia differenziata. Anche l’Istruzione potrà oggetto di attribuzione da parte delle Regioni. 
L’articolo Autonomia differenziata, anche l’istruzione potrà essere demandata alle Regioni. BOZZA Ddl Calderoli [PDF] sembra essere il primo su Orizzonte Scuola Notizie., Photo Credit: , Andrea Carlino


Autonomia differenziata, anche l’istruzione potrà essere demandata alle Regioni. BOZZA Ddl Calderoli [PDF]
Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 28 Novembre 2022

Maltempo Sicilia, il 29 novembre scuole chiuse in provincia di Siracusa e Ragusa

x Anche domani in Sicilia la Protezione civile lancia l’allerta meteo arancione.

Scuola Notizie 28 Novembre 2022

Frana Ischia, studenti volontari per affrontare l’emergenza. L’USR: al lavoro per la ripresa delle attività didattiche

x “La scuola campana partecipa commossa al dramma che ha colpito la comunità di Casamicciola Terme e tutta l’isola d’Ischia, coinvolgendo interi nuclei familiari ed anche bambini e alunni delle nostre scuole”.

Scuola Notizie 28 Novembre 2022

Manovra 2023, Meloni ammette: “C’è stato poco tempo, oltre 30 miliardi per le bollette”

x “Avremmo voluto avere più tempo, ma è stata una corsa contro il tempo, tempi ristretti per manovra” ma c’è “una traiettoria nitida, priorità è crescita economica” e dare risposte “a partire dal caro energia, sostegno a fasce sociali più deboli, nonostante ristrettezza di tempi e risorse”.

Scuola Notizie 28 Novembre 2022

Stipendio dicembre, visibile su NoiPa mensilità di dicembre più tredicesima. Accredito il 15

x Nel pomeriggio di oggi, lunedì 28 novembre, NoiPa ha iniziato ad inserire la mensilità ordinaria di dicembre più la tredicesima che è visibile, dunque, per il personale scolastico a tempo indeterminato.

torna all'inizio del contenuto
//intorterraon.com/4/4339693 https://vaugroar.com/pfe/current/tag.min.js?z=4339695