Da Corriere.it Scuola: Conoscenza, nel mondo del sapere tra nozioni e illusioni Redazione online

Che ne sappiamo noi del mondo? E delle persone, da quelle che abbiamo pi care ai perfetti sconosciuti? E di noi stessi che cosa sappiamo? Sempre troppo poco. Per questo uno dei motori fondamentali della vita che non ci stanchiamo mai di inseguire con le emozioni, lo studio, la curiosit, la conoscenza.

Eredit antica. La conoscenza l’abbiamo ricevuta dal tardo latino cognoscentia, derivazione del verbo cognoscĕre ossia conoscere. Ma c’ un nucleo all’interno di cognoscĕre che ci porta al greco antico gnsis, vocabolo comune il cui significato originario era proprio conoscenza. E con questo siamo solo all’inizio del viaggio.

Le sfumature del conoscere. La conoscenza va oltre il possesso di alcune nozioni o di un complesso articolato di nozioni: ha un significato pi ampio che attiene non solo alla comprensione dei fatti o delle persone, ma la consapevolezza di questa comprensione. Apparentemente conoscere e sapere sono sinonimi. Ma conoscere molto pi specifico nell’indicare le relazioni interpersonali (lo conosci Claudio? Conosco Sandro, non avrebbe mai accettato un compromessocos; se parli cos a Paolo vuol dire che non lo conosci). La differenza tra i due verbi, anche se a rapporto invertito, diventa pi chiara esaminando i sostantivi derivati: la conoscenza e la sapienza, dove quest’ultima indica una competenza ampia e profonda, addirittura il massimo che si pu raggiungere, mentre la

continua a leggere
Da Corriere.it Scuola: Conoscenza, nel mondo del sapere tra nozioni e illusioni Redazione online Read More