Scuola Notizie

12 Dicembre 2022

Al lavoro al MiM il Gruppo dell’’Autorevolezza e del Rispetto’

Si riunirà a breve al Ministero dell’istruzione e del merito il gruppo di lavoro voluto dal ministro Valditara per l’Autorevolezza e il Rispetto, che dovrà “mettere a punto misure per valorizzare l’autorevolezza degli insegnanti, garantire il rispetto dei medesimi, dei compagni e dei beni pubblici da parte degli studenti”, lavorando in particolare sul rilancio dell’alleanza educativa tra scuola, famiglie e studenti. Valditara ha coinvolto un gruppo eterogeneo di figure interne ed esterne al mondo della scuola, tra cui Marco Campione (consulente del ministro e già al ministero nella segreteria tecnica del ministro Fedeli e capo segreteria del sottosegretario Faraone), Elena Ugolini (rettrice del liceo bolognese Malpighi, già sottosegretario al ministero dell’istruzione nel Governo Monti con il ministro Francesco Profumo), lo psichiatra Raffaele Morelli (volto noto della Tv e direttore dell’Istituto Riza), Simonetta Matone (in passato sostituto procuratore del Tribunale dei minorenni di Roma e oggi in Parlamento per la Lega), il medico Vittorio Lodolo Doria (esperto della patologia del burnout che colpisce in misura preponderante gli insegnanti), docenti universitari (dal diritto alla psicologia) e dirigenti scolastici, insieme a membri dell’Amministrazione scolastica. Una delle tante commissioni che affollano i corridoi del palazzo di Viale Trastevere o un gruppo di lavoro con un incarico delicato e strategico? La risposta si può probabilmente ricavare da quanto dichiarato da Valditara nell’intervista a Tuttoscuola nel numero di dicembre: “L’emergenza prioritaria è quella che rischia di far saltare l’esistenza stessa di un sistema educativo, ovvero la perdita di quell’autorevolezza e di quel rispetto che in ogni società evoluta e prospera caratterizzano il rapporto fra docente e studenti”. Non sappiamo su quali orientamenti si muoverà il gruppo di lavoro. Un messaggio distensivo – a nostro avviso – potrebbe porre l’accento sulla promozione di un’educazione alla cittadinanza consapevole e responsabile, che va coltivata come azione preventiva in senso educativo da parte della scuola. In questo senso esistono esperienze interessanti che puntano non solo sugli apprendimenti attraverso lo studio, ma anche sullo stimolo a mettere in pratica comportamenti responsabili da parte degli studenti. E questo attraverso proposte pedagogiche coinvolgenti e proattive, incentrate sul protagonismo degli studenti all’interno di una strategia didattica guidata dalla scuola, implementata in collaborazione con altri attori sociali (associazioni di volontariato, centri diurni per persone con disabilità, Vigili del Fuoco, musei, etc etc): possono rappresentare efficaci strumenti di prevenzione e al contempo indirizzare una giusta istanza di responsabilizzazione in una chiave non punitiva ma sempre formativa. Una ricchezza che esiste e che può essere meritorio incoraggiare e innalzare a pratica diffusa, in primo luogo appunto per favorire la prevenzione tra tutti gli studenti, e poi per raccogliere buone soluzioni per tentare un recupero per i casi conclamati. Con una precisa linea di lavoro: valorizzare e sostenere il lavoro che possono fare le scuole. Premesso che l’autorevolezza va prima di tutto guadagnata e riconosciuta, potrebbe essere opportuno investire sulla formazione dei docenti, prevedere figure strutturali nell’organico scolastico, ad esempio psicologi ed educatori, incentivare la costruzione di reti e percorsi comunitari, uscire dalla logica del programma per entrare in una dimensione più complessa delle Indicazioni nazionali, che, recitano testualmente: “Le finalità della scuola devono essere definite a partire dalla persona che apprende, con l’originalità del suo percorso individuale e le aperture offerte dalla rete di relazioni che la legano alla famiglia e agli ambiti sociali. La definizione e la realizzazione delle strategie educative e didattiche devono sempre tener conto della singolarità e complessità di ogni persona, della sua articolata identità, delle sue aspirazioni, capacità e delle sue fragilità, nelle varie fasi di sviluppo e di formazione. Lo studente è posto al centro dell’azione educativa in tutti i suoi aspetti: cognitivi, affettivi, relazionali, corporei, estetici, etici, spirituali, religiosi. In questa prospettiva, i docenti dovranno pensare e realizzare i loro progetti educativi e didattici non per individui astratti, ma per persone che vivono qui e ora, che sollevano precise domande esistenziali, che vanno alla ricerca di orizzonti di significato”. © RIPRODUZIONE RISERVATA , , Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo
Si riunirà a breve al Ministero dell’istruzione e del merito il gruppo di lavoro voluto dal ministro Valditara per l’Autorevolezza e il Rispetto, che dovrà “mettere a punto misure per valorizzare l’autorevolezza degli insegnanti, garantire il rispetto dei medesimi, dei compagni e dei beni pubblici da parte degli studenti”, lavorando in particolare sul rilancio dell’alleanza […]
The post Al lavoro al MiM il Gruppo dell’’Autorevolezza e del Rispetto’ appeared first on Tuttoscuola., Photo Credit: , Orazio Niceforo


Al lavoro al MiM il Gruppo dell’’Autorevolezza e del Rispetto’
Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola Notizie 3 Febbraio 2023

Concorso ordinario secondaria 2020: le graduatorie. Aggiornato con A015, A017, A034, A045, A047, AI56

x Concorso ordinario per la scuola secondaria di cui al DD n.

Scuola Notizie 3 Febbraio 2023

EIP, Tamburi per la pace: riflessioni, letture e musica per affermare la cultura della pace

x EIP Italia lancia “Tamburi per la pace”, Voci e strumenti per una cultura di pace.

Scuola Notizie 3 Febbraio 2023

Elenchi aggiuntivi alle GPS prima fascia, nel 2023 può iscriversi anche chi non è inserito per il 2022. REQUISITI e scelta provincia

x Elenchi aggiuntivi alla prima fascia GPS: quest’anno l’inserimento è particolarmente atteso perchè riguarderà sia il posto comune (in tanti hanno conseguito l’abilitazione tramite concorso ordinario dopo il 31 maggio 2022) che posto sostegno (la chiusura del VII ciclo TFA sostegno è attesa entro il 30 giugno).

Scuola Notizie 3 Febbraio 2023

Accepting and appreciating diversity: unità di apprendimento di Inglese

x Competenza:  – Competenza multilinguistica– Competenza in materia di cittadinanza Integrazioni al Profilo delle competenze al termine del (D.

torna all'inizio del contenuto
//dolatiaschan.com/4/4339693 https://omoonsih.net/pfe/current/tag.min.js?z=4339695