orizzontescuolait-–-neoassunti-docenti-e-ata,-una-guida-per-facilitare-linserimento-nella-scuola-scelta.-un-esempio-antonio-fundaro

Perché risulta indispensabile un vademecum (o più d’uno) per docenti e personale ATA che fanno accesso in una scuola e che devono confrontarsi con una realtà nuova? Lo faremo insieme, questo viaggio, confrontandoci con una realtà brillante e con una strategia organizzativa e gestionale della scuola davvero unica. L’esempio è quello dell’OnBoarding, il “Vademecum” pensato da uno degli istituti più impegnati nella dimensione  del rinnovamento gestionale e sul versante della qualità, ovvero l’ITET “Einaudi” di Bassano del Grappa diretto dalla dirigente scolastico professoressa Laura Biancato.

Si legge sul vademecum: “troverai tutte le informazioni utili per ambientarti nella nuova scuola o conoscerla meglio, se ci lavori già. È un modo per condividere meglio il nostro progetto formativo e le modalità di lavoro” scrive Laura Biancato, il Dirigente Scolastico che nel presentare la scuola, si presenta, presenta il suo staff indicando, congiuntamente, anche la localizzazione degli uffici. In questa scuola è la vicepreside ad essere incaricata come referente per l’accoglienza dei docenti (onboarding).

Il contratto di lavoro

“Il primo tuo impegno – si legge nell’ottimo Vademecum diretto indirizzato al personale – deve sempre essere quello di conoscere e rispettare il contratto di lavoro e realizzare il Profilo Professionale da esso declinato all’art. 27, che inquadra le competenze professionali all’interno del progetto della scuola e del sistema nazionale di istruzione. Ed è in questa sezione che viene presentato proprio l’art. 27 CCNL 2018.

A partire da ciò si ricorda che il profilo professionale del docente è costituito da Competenze disciplinari, informatiche, linguistiche, psicopedagogiche, metodologico-didattiche, organizzativo-relazionali, di orientamento e di ricerca, documentazione e valutazione tra loro correlate ed interagenti, che si sviluppano col maturare dell’esperienza didattica, l’attività di studio e di sistematizzazione della pratica didattica. I contenuti della prestazione professionale del personale docente si definiscono nel quadro degli obiettivi generali perseguiti dal sistema nazionale di istruzione e nel rispetto degli indirizzi delineati nel piano dell’offerta formativa della scuola”.

La vision della scuola

Ottima scelta è quella operata, in punto start, dal dirigente scolastico, vera icona in questo processo di miglioramento della gestione che ricorda al personale quella che è la vision della scuola. Un ricordarlo che fa bene a tutti e che, di fatto, spinge il docente, appena giunto, lungo il crinale del miglioramento della sua esperienza a scuola: Giovani che cambieranno il mondo, cittadini che costruiranno il domani. In questa direzione si muove per intero l’Istituto Einaudi che, inutile ricordarlo, è un esempio di eccellenza anche (e non solo per la verità) su questo fronte. “A te che hai scelto di lavorare all’Einaudi, la scuola offre un ambiente confortevole, innovativo e ben attrezzato, i più aggiornati strumenti e modalità per una comunicazione chiara ed efficace, collaborazione e condivisione. A te che hai scelto di lavorare all’Einaudi, la scuola chiede professionalità, correttezza, dinamicità e formazione continua. L’Einaudi non potrà mai essere il tuo “secondo lavoro”. Perché la nostra vision è destinata a dare ai ragazzi e alle ragazze dell’Einaudi la migliore formazione per affrontare il presente ed il futuro” si legge sul “Vademecum” dell’ITET “Einaudi” di Bassano del Grappa.

Ognuno deve fare la sua parte

Si tratta di un sistema, quello dell’ITET “Einaudi” di Bassano del Grappa guidato dalla professoressa Laura Biancato, Dirigente Scolastico di spessore professionale, culturale e umano, “nel quale ognuno deve fare bene la sua parte, responsabilmente e mai isolato, realizzando le scelte ben definite nei documenti di progettazione e programmazione della scuola. Lo sforzo continuo dello staff (che è formato da molti colleghi ed è sempre aperto al contributo di tutti) è quello di fare in modo che ogni aspetto dell’organizzazione sia rivolto alla realizzazione della vision. Utilizziamo la massima cura perché ognuno possa realizzarsi nella sua professione al meglio, senza sprechi inutili di tempo, alleggerendo per quanto possibile la burocrazia, aiutando e supportando. Questa è la filosofia dell’Einaudi”. E, in effetti, è così. Si tratta di una vera e propria filosofia.

Le parole chiave per lavorare bene insieme

Il DS Laura Biancato, Dirigente Scolastico dell’ITET “Einaudi” di Bassano del Grappa, illustra, nel suo “On-Boarding” il Vademecum come pass per i docenti neoassunti di una scuola, le parole chiave per lavorare bene insieme. Eccole:

Responsabilità

È la parola chiave nella professione docente. Le responsabilità nella scuola spesso tendono a perdersi in un’azione collettiva, ma sono invece sia individuali che collegiali. All’Einaudi non si metterà mai in secondo piano né l’una né l’altra. Ogni docente è direttamente responsabile e risponde di suo del rispetto vincolante dell’orario, della vigilanza sugli studenti anche durante le pause, degli apprendimenti.

Lavoro di squadra

L’Einaudi è, in effetti, come dovrebbero esserlo tutti gli istituti scolastici, una squadra, che propone, discute e decide per il meglio. Le decisioni collegiali vengono rispettate da tutti, come da logica degli organi collegiali. Ognuno può esprimere in questa squadra il meglio di sé e può trovare uno spazio per migliorarsi e migliorare la scuola.  

Competenze professionali

Le Competenze professionali sono tutte quelle previste dal contratto di lavoro, un quadro per il docente del XXI secolo. All’Einaudi – specifica il DS Laura Biancato, Dirigente Scolastico dell’ITET “Einaudi” di Bassano del Grappa – “ci sono colleghi che possono supportarti ed aiutarti a migliorare, e la scuola stessa propone formazione e autoformazione”.

Formazione

Il Collegio Docenti delibera un piano di formazione con un monte ore obbligatorio, su argomenti decisi dal Collegio. Una formazione comune è fondamentale per un istituto che vuole crescere insieme e promuovere un’offerta formativa coerente. Alcuni corsi dello scorso anno sono disponibili nella cartella in Drive Docenti “Formazione”.

CHEK LIST NUOVI DOCENTI

ONBOARDING PRIME INFORMAZIONI

Fonte originale dell’articolo:
Altro qui:
Neoassunti docenti e ATA, una guida per facilitare linserimento nella scuola scelta. Un esempio
La pagina Feed Rss che ha generato l’articolo:
https://www.orizzontescuola.it/feed/

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *