orizzontescuola.it-–-percorso-abilitante-da-60-cfu:-requisiti-di-accesso,-frequenza,-costi,-struttura-del-corso-redazione

Percorsi abilitanti di cui al DPCM 4 agosto 2023: cresce l’attesa per l’avvio, per il quale mancano ancora tanti passaggi fondamentali. A chi è rivolto e come si svolgerà il percorso da 60 CFU? Alcune risposte ci sono già. altre saranno a cura delle singole Università.

Il Percorso da 60CFU/CFA (nel caso di Accademie e Conservatori) è il percorso formativo di cui al DPCM 4 agosto 2023, che permette di conseguire l’abilitazione all’insegnamento per classi di concorso della scuola secondaria di primo e secondo grado (normativa di riferimento art. 2-bis del D.lgs. n. 59/2017 e DPCM del 4 agosto 2023, Allegato 1).

Si può conseguire un’abilitazione per anno accademico.

Le classi di concorso disponibili variano nelle singole Università.

Ecco le classi di concorso richieste, le Università sono in attesa dell’accreditamento.

Particolari problemi si configurano per le classi di concorso della tabella B, perché poche Università hanno richiesto l’attivazione dei corsi. Percorsi abilitanti 60 e 30 CFU per ITP: in quale Università si svolgeranno? Bisognerà trasferirsi?

Requisiti di accesso (è sufficiente un requisito)

  • Laurea ( Vecchio Ordinamento, Specialistica o Magistrale o titolo equipollente o equiparato) o Diploma dell’Alta Formazione Artistica, musicale e coreutica di II livello (o titolo equipollente o equiparato)
  • studenti iscritti ad un Corso di Laurea Magistrale
  • studenti iscritti ad un Corso Laurea Magistrale a Ciclo unico che abbiano già conseguito almeno 180 crediti entro il termine di scadenza per la presentazione della domanda di iscrizione al percorso PF60;
  • diploma ITP (requisito valido fino al 31 dicembre 2024) per le classi di concorso della tabella B

La laurea deve essere coerente con la classe di concorso richiesta, avere cioè gli esami o CFU richiesti dal DPR 19/2026 e dm 259/2017. Come controllare

E’ prevista una selezione per l’accesso?

Il DPCM 4 agosto 2023 afferma “3. Se il numero delle domande di ammissione ai percorsi di formazione iniziale per specifiche classi di concorso eccede il livello sostenibile individuato ai sensi del primo periodo, le universita’ e le istituzioni AFAM possono programmare a livello locale l’accesso a tali percorsi con le modalita’ individuate dal decreto di cui al primo periodo.

Siamo quindi in attesa del decreto del Ministero per conoscere le modalità di accesso.

A gennaio i BANDI. Sarà possibile iscriversi alle selezioni per più Atenei

Il percorso prevede

  • insegnamenti di Area Comune (24 CFU)
  • insegnamenti di Area disciplinare per classe di concorso (16 CFU)
  • Tirocinio diretto e indiretto (20 CFU)
  • Prova finale

1 CFU = 6 ore di didattica

Per gli insegnamenti di Area comune e Area disciplinare un cfu corrisponde a 6 ore di didattica;
Per le attività di Tirocinio diretto e indiretto un cfu corrisponde a 12 ore di attività;

Ci saranno esami in itinere? A meno di indicazioni nazionali da parte del Ministero, deciderà la singola Università. Ecco alcune indicazioni

La frequenza

E’ obbligatoria per una percentuale minima del 70% di ogni attività formativa (art. 7, comma 7 del DPCM del 4 agosto 2023).

Esclusivamente per gli anni accademici 2023/2024 e 2024/2025, i percorsi universitari di formazione iniziale possono essere svolti in modalità telematica sincrona, ad eccezione dei tirocini e dei laboratori, con una percentuale massima del 50% del totale.

Saranno le singole Università a decidere quali attività potranno essere seguite in modalità telematica sincrona.

Le Università decideranno il calendario delle attività. Alcune hanno già comunicato che le lezioni si svolgeranno nei pomeriggi dei giorni feriali e durante tutta la giornata del sabato.

I permessi per diritto allo studio

Alcuni docenti hanno avuto la possibilità di richiedere le ore di permesso con riserva, in attesa dell’immatricolazione al corso. In altre regioni ci si aspetta invece l’apertura di apposita istanza, se saranno residuati posti dal contingente provinciale. Percorsi abilitanti docenti 2024, 150 ore permessi studio: vale la domanda presentata entro il 15 novembre o si riapriranno i termini? [VIDEO]

Riconoscimento CFU

Il DPCM 4 agosto 2023 prevede il riconoscimento dei CFU pregressi. Le Università valuteranno i singoli curriculum dopo l’attivazione dei percorsi.

I costi

Il DPCM 4 agosto 2023 prevede un max di 2.500 euro per il percorso da 60 CFU. Alcune Università hanno già comunicato i costi preventivati.

Percorsi abilitanti: 30 CFU + 30 CFU

Ricordiamo che i laureati potranno scegliere anche il percorso

  • 30 CFU per accedere al secondo concorso della fase transitoria, previsto per l’autunno
  • vincita del concorso
  • 30 CFU post concorso per completare la formazione e conseguire l’abilitazione nella classe di concorso scelta per il concorso

Percorsi abilitanti docenti, ecco il DPCM in Gazzetta Ufficiale: come funzioneranno, chi potrà accedere, la fase transitoria. Tutte le info [scarica PDF]

Fonte originale dell’articolo:
Leggi di più:
Percorso abilitante da 60 CFU: requisiti di accesso, frequenza, costi, struttura del corso
La pagina Feed Rss che ha generato l’articolo:
https://www.orizzontescuola.it/feed/

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *