orizzontescuolait-–-nuova-formazione-docenti,-gia-quasi-tutti-scontenti:-sindacati-e-cspi-dicono-stop.-ma-il-ministero-puo-andare-avanti-lo-stesso-e-stabilire-i-criteri-in-attesa-della-contrattazione-fabrizio-de-angelis

Non sembra partito col piede giusto il percorso che prevede l’approvazione della nuova formazione in servizio dei docenti: prima le organizzazioni sindacali e poi il CSPI hanno bocciato il piano del Ministero, che propone il modello disegnato dalla precedente amministrazione, a guida Patrizio Bianchi.

Partiamo dal Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione: prima di tutto il decreto propone una valutazione che sembra più focalizzata sull’operato complessivo del docente piuttosto che sul percorso formativo stesso. Si sollevano dubbi sulla mancanza di criteri specifici per valutare gli obiettivi raggiunti e le competenze acquisite.

Si evidenzia un potenziale conflitto con il CCNL riguardante la progressione di carriera e le competenze delle autonomie scolastiche nella progettazione delle attività formative.

In caso di valutazione negativa, il decreto prevede “forme di supporto formativo”, ma rimane incerta la procedura per ripetere o superare l’annualità non completata.

Il decreto prevede un incentivo economico una tantum solo per un numero limitato di docenti, sollevando preoccupazioni sull’equità del sistema. Tutto ciò ha spinto il CSPI a bocciare il decreto.

In precedenza erano stati i sindacati a sollevare le criticità.

La Segreteria Generale della Flc Cgil, Gianna Fracassi, ha evidenziato innanzitutto i problemi enormi che tali linee pongono nel rapporto fra sistema formativo e contratto.

Infatti, spiega la sindacalista, il CCNL ha delle prerogative stringenti che non possono essere ignorate dalla Scuola di Alta Formazione dell’Istruzione (SAFI) come invece vengono prefigurati dalle linee di indirizzo che aprono un problema assai serio sugli sviluppi di carriera professionale docente bypassando del tutto il CCNL che non avrebbe nessuna voce in capitolo.

C’è poi secondo Fracassi un problema che non può essere ignorato. Anzi, va considerato e messo sotto attenzione: il nuovo CCNL impone il pagamento delle ore di formazione effettuate oltre le 80 ore. È necessario pertanto l’incremento del FMOF ormai divenuto incapiente, non più in condizione di riconoscere le attività aggiuntive ordinarie e pertanto del tutto inadeguato per far fronte alle ore di formazione del personale.

Secondo la Flc Cgil, dunque, le linee triennali attuative del DL 36/2022 operano una serie di forzature circa le prerogative collegiali e l’autonomia professionale specie dei docenti, dal momento che il CCNL dispone che in ogni istituzione scolastica sia il Collegio a deliberare il piano annuale di formazione in coerenza con gli obiettivi e i tempi del Ptof e che questi non possano essere imposti da soggetti estranei come la SAFI a cui non compete di stabilire perfino il monte orario (40h annuali) di formazione.

Decisamente critico anche Giuseppe D’Aprile, segretario generale della Uil Scuola Rua: “Una pseudo riforma, gestita dalla Scuola di Alta formazione, nella quale saranno coinvolti Indire, Invalsi e Università Italiane e straniere, limitando di fatto l’autonomia delle scuole e, come ormai di prassi, esautorando il contratto nelle sue funzioni“.

Una formazione continua che serve a valutare in modo improprio le performance dei docenti in base alle valutazioni operate dal ‘Comitato di valutazione’, con inevitabili ricadute sulla qualità dell’insegnamento che invece deve essere laico e libero“, prosegue il sindacalista.

“Questa nuova formazione, prevista nel decreto-legge 36/22 che avevamo già contestato, e che ora prende forma nella direttiva – osserva D’Aprile – noi la rimandiamo ai mittenti“.

Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, interviene sottolineando che “il sindacato non è contrario alla formazione permanente che è connaturato al nostro lavoro dopo aver ottenuto l’estensione del finanziamento anche al personale Ata e la retribuzione nella contrattazione nel rispetto delle norme europee”.

Tuttavia, “riteniamo che se si voglia parlare di carriera si debbano introdurre per legge delle figure professionali legate anche e soprattutto al middle management. Per questo rispetto a quanto contrattato con il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, nella passata legislatura sul PNRR, riteniamo meglio coinvolgere con una sequenza contrattuale alla presenza di tutto il mondo del sindacato”.

Il Ministero può tirare dritto e applicare subito criteri transitori

Considerando il quadro appena riportato, c’è curiosità nel capire quale sarà la mossa del Ministero dell’Istruzione e del Merito. Anche perché, la norma consente di poter tirare dritto, seppur in via provvisoria.

Infatti, la legge già prevede che, nel caso in cui non si riesca ad avere un regolamento per i criteri di valutazione per gli incentivi, prevista dalla contrattazione, le modalità di valutazione seguite dal comitato sono definite transitoriamente con decreto del Ministro dell’istruzione da adottarsi di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze.

Questo significa che se la contrattazione non andrà a buon fine da Viale Trastevere potranno pubblicare un decreto con criteri stabiliti dallo stesso MIM e del MEF.

In sede di prima applicazione, infatti, nelle more dell’aggiornamento contrattuale, per dare immediata applicazione al sistema di progressione di carriera, si applicano i seguenti criteri di valutazione e selezione:

1) media del punteggio ottenuto nei tre percorsi formativi consecutivi per i quali si è ricevuta una valutazione positiva;

2) in caso di parità di punteggio diventano prevalenti la permanenza come docente di ruolo nella istituzione scolastica presso la quale si è svolta la valutazione e, in subordine, l’esperienza professionale maturata nel corso dell’intera carriera, i titoli di studio posseduti e, ove necessario, i voti con cui sono stati conseguiti detti titoli.

Il piano di formazione: il docente stabilmente incentivato

Tutto parte dalla legge 76/2022, che prevede la formazione in servizio per gli insegnanti, uno degli aspetti legati ala riforma del Pnrr.

Una parte fondamentale del piano riguarda la figura del docente stabilmente incentivato, che in prima battuta era il contestatissimo “docente esperto”. Nel corso dell’ultimo passaggio in Senato, si decise di rinominare la figura diversamente.

La norma prevede che gli insegnanti di ruolo che abbiano conseguito una valutazione positiva nel superamento di tre percorsi formativi consecutivi e non sovrapponibili, nel limite del contingente previsto, possono essere stabilmente incentivati, nell’ambito di un sistema di progressione di carriera che a regime sarà precisato in sede di contrattazione collettiva, maturando il diritto ad un assegno annuale ad personam di importo pari a 5.650 euro che si somma al trattamento stipendiale in godimento.

Al fine di dare attuazione al riconoscimento dell’elemento retributivo di carattere accessorio, riporta la legge, è istituito nello stato di previsione del Ministero dell’istruzione un Fondo per l’incentivo alla formazione, con dotazione pari a 40 milioni di euro nell’anno 2026, 85 milioni di euro nell’anno 2027, 160 milioni di euro nell’anno 2028, 236 milioni di euro nell’anno 2029311 milioni di euro nell’anno 2030 e 387 milioni di euro a decorrere dall’anno 2031.

Da evidenziare, che il docente stabilmente incentivato è tenuto a rimanere nella istituzione scolastica per almeno il triennio successivo al conseguimento del suddetto incentivo.

Fonte originale dell’articolo:

Leggi di più dalla fonte originale:
Nuova formazione docenti, già quasi tutti scontenti: sindacati e CSPI dicono stop. Ma il Ministero può andare avanti lo stesso e stabilire i criteri in attesa della contrattazione
La pagina Feed Rss che ha generato l’articolo:
https://www.orizzontescuola.it/feed/

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *