orizzontescuolait-–-alla-scuola-primaria-si-torna-al-passato:-si-al-voto-numerico.-frassinetti:-“oggi-solo-confusione,-si-complica-il-lavoro-dei-docenti”-redazione

Ritorna il voto numero alla scuola primaria. Una mossa, quella annunciata dal sottosegretario all’Istruzione e al Merito, Paola Frassinetti, che segna un passo indietro rispetto alla riforma introdotta nella scorsa legislatura, che aveva sostituito i voti numerici con un giudizio descrittivo per i bambini dai 6 ai 10 anni.

La decisione di reintrodurre i voti numerici mira a semplificare il sistema di valutazione, rendendolo più comprensibile per famiglie e insegnanti. Al Fatto Quotidiano, Frassinetti afferma che il precedente sistema, introdotto sotto la ministra Lucia Azzolina, ha generato confusione, complicando il lavoro dei docenti.

A Fanpage, Elisabetta Nigris, docente dell’Università di Milano Bicocca, invece, sostiene che la valutazione descrittiva offre una comprensione più dettagliata e articolata delle competenze acquisite dai bambini. Secondo lei, questa forma di valutazione ha un valore formativo e non sanzionatorio, in contrasto con la visione del governo attuale. D’altra parte, Frassinetti ribatte sottolineando che anche i voti numerici e i giudizi tradizionali possiedono un valore formativo. Afferma che riconoscere una preparazione insufficiente in un alunno non è una sanzione, ma piuttosto un incentivo a migliorare.

Leggi anche

Torna il voto numerico alla scuola primaria, Frassinetti: “Non capisco i timori, nella vita i voti arrivano in ogni caso inesorabili”

Fonte originale dell’articolo:
Leggi di più qui:
Alla scuola primaria si torna al passato: sì al voto numerico. Frassinetti: “Oggi solo confusione, si complica il lavoro dei docenti”
La pagina Feed Rss che ha generato l’articolo:
https://www.orizzontescuola.it/feed/

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *