da-corriere.it-scuola:-«w-la-scuola»,-perche-riportare-in-classe-«gli-irraggiungibili»-e-possibile-gianna-fregonara

di Gianna Fregonara

Il progetto della Comunit di Sant’Egidio che intercetta migliaia di studenti che hanno abbandonato. Come rimuovere gli ostacoli. Il libro e il convegno a Roma

Ci vuole coraggio a intitolare un progetto contro la dispersione scolastica W la scuola. Ma la comunit di Sant’Egidio l’ha fatto. E, a sentire i racconti degli studenti che in questi due anni si sono riavvicinati alla scuola grazie al contatto con i volontari, Evelina Martelli, che ha coordinato il progetto, ha avuto ragione: sono tornati in classe pi di duemila studenti a Roma, dal Covid in poi, e altre centinaia in tutte le citt in cui la comunit presente: Genova e Napoli innanzitutto.

Il progetto

L’obiettivo del progetto diretto: raggiungere gli irraggiungibili, quegli studenti, molti ancora bambini, che la scuola si persa per le ragioni pi varie, spesso anche banali. Non a caso i volontari sono dei facilitatori, dei mediatori chiamati alle volte dai dirigenti scolastici, altre dagli insegnanti, altre ancora dai genitori stessi, per riallacciare i contatto con i prof e la classe, per far la pace tra lo studente e la scuola. Chi sono i facilitatori? Lo spiega la mamma di Daniele, 13 anni, che dopo l’ennesimo colloquio burrascoso con i professori e la prospettiva della bocciatura gi chiara alla fine del primo quadrimestre incontra Davide. E lo definisce cos: “una persona di cui ti puoi fidare”, un gancio sicuro a cui attaccarsi . Inutile dire che la mediazione ha portato i suoi fruttie Daniele tornato in classe.

Il libro

Se ne parlato il 28 novembre nella Biblioteca della Comunit a Trastevere con il presidente di Sant’Egidio Marco Impagliazzo, che ha ricordato come questo progetto si inserisca nella visione educativa che va da don Milani a Mario Lodi e alle “scuole delle pace”. Con lui anche il rettore di Roma Tre Massimiliano Fiorucci, Barbara Romano, ricercatrice della Fondazione Agnelli, e Marco Rossi Doria, presidente della’impresa sociale “con i bambini”, che ha spiegato come i dispersi non sono dispersi per niente, ma sono l davanti a noi e a volerlo, come dimostra il progetto W la scuola, si possono raggiungere e aiutare. Pare incredibile ma spesso gli ostacoli che portano all’allontanamento da scuola possono anche essere difficolt ad avere informazioni, a completare le iscrizioni – che oggi si fanno con lo Spid – oltre che a raggiungere gli insegnanti e la scuola. Senza arrivare al paradosso in cui vivono molte delle famiglie di migranti, ben descritto da Stefano Orlando nel libro: Sono spesso molto motivate nel mandare i figli a scuola perch lo vedono come una possibilit di riscatto, di far fare un ultimo passo avanti ai bambini, ma poi si trovano di fronte a ostacoli burocratici o pratici che diventano insormontabili. A partire dalla mancanza di professori formati per insegnare l’italiano lingua 2.

Gli irraggiungibili

Il progetto – come ha spiegato Evelina Martelli – va avanti e si sta allargando ma intanto aver raccolto i dati e spiegato il progetto con particolari e testimonianze nel libro W la scuola, un programma per contrastare la dispersione scolastica, edizioni Schol, ha il pregio di renderlo misurabile nei suoi risultati e di renderlo replicabile.

29 novembre 2023 (modifica il 29 novembre 2023 | 19:13)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte originale dell’articolo:
Leggi l’originale qui:
«W la scuola», perché riportare in classe «gli irraggiungibili» è possibile

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *